Amuchina introvabile, ecco come farla in casa: l'OMS diffonde una ricetta

Anche se nella nostra regione non c'è ancora una emergenza, in farmacie e supermercati non si trova più amuchina per disinfettare le mani: ecco come realizzarne una fai da te in casa in sicurezza, secondo l'OMS

Sebbene attualmente nella nostra regione non siano emersi focolai di contagio, l’emergenza Coronavirus continua a spaventare molte persone e prosegue senza sosta la caccia alle mascherine e ai gel igienizzanti per proteggersi dal contagio. Farmacie, supermercati, negozi di casalinghi hanno ormai da tempo esaurito le scorte di amuchina e quando si ha la fortuna di trovarla, ha dei prezzi improponibili. Per questo motivo l'Oms ha diffuso una ricetta per realizzare un disinfettante efficace per le mani direttamente in casa.

Amuchina fatta in casa, la ricetta

L'Amuchina altro non è che un igienizzante a base di alcol etilico, ipoclorito di sodio diluiti in acqua in percentuali specifiche in base ai diversi utilizzi che ne vengono fatti. Proprio partendo da questi ingredienti, è possibile realizzare un disinfettante per mani fai da te.

Ecco la ricetta:

  • 833 ml di alcol etilico al 96%
  • 42 ml di acqua ossigenata al 3%
  • 15 ml di glicerina (glicerolo, acquistabile in farmacia a pochi euro) al 98%
  • acqua distillata oppure acqua bollita e raffreddata fino ad arrivare ad 1 litro
  • Si conserva in bottiglia di plastica o vetro, da tappare bene.

Disinfettare le mani

Per avere una reale efficacia, l'alcol etilico non va usato puro, ma diluito in acqua in percentuale non inferiore al 75% e su mani pulite, prive di incrostazioni di qualsiasi tipo o strati di unto, e asciutte. Nella ricetta dell'Amuchina fatta in casa è presente anche la glicerina, perché serve ad aumentare la densità del prodotto evitando che scivoli via dalle mani. L'acqua ossigenata, infine, serve ad eliminare eventuali spore batteriche non uccise dall'alcol.

Il Ministero della Sanità specifica che, per una corretta igiene delle mani, è indispensabile lavare spesso le mani, almeno per 40-60 secondi, o passare l'igienizzante (Amuchina o simili) per almeno 30-40 secondi. Si sconsiglia, inoltre, l'uso eccessivo di questi disinfettanti a base di alcol etilico che, con il tempo, seccano la cute e potrebbero favorire la resistenza nei batteri. Meglio lavare spesso le mani, insomma e seguire il vademecum diffuso dal Ministero sul Coronavirus per prevenire il contagio.

Disinfettare le superfici

L'amuchina è consigliata non solo per igienizzare le mani, ma anche le superfici di casa, dai pavimenti alle mensole, a tutti i piani di lavoro. Per disinfettare queste superfici serve una soluzione a base di ipoclorito di sodio all’1%: ossia 99% di acqua e 1% di normalissima candeggina, come è chiamato comunemente l'ipoclorito di sodio per il suo potere sbiancante, oltre che di funghicida, sporacida e virucida. 

Per igienizzare efficacemente, il prodotto va lasciato agire dai 5 ai 15 minuti. Questa soluzione non è assolutamente indicata per le mani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La mappa del contagio, “esplosione” di positivi in due comuni del Ternano

  • Coronavirus, la situazione dei contagi: in ventiquattro ore più positivi a Terni che a Perugia

  • Coronavirus, torna a salire il numero di contagi. La provincia di Terni doppia (quasi) quella di Perugia

  • Ast, la testimonianza di un lavoratore: ecco cosa è successo alla riapertura della fabbrica

  • Coronavirus, Giove verso la zona ‘rossa’. In arrivo l'ordinanza di isolamento: primo comune del ternano

  • Scuola e virus, le ipotesi: nessuna riapertura, esami “soft” e da settembre ancora didattica a distanza

Torna su
TerniToday è in caricamento