Sabato, 25 Settembre 2021
Blog

Acciai Speciali Terni, l’appello: “Il sito deve essere ceduto ad un player industriale capace di competere sui mercati globali”

L’intervento di Simone Liti segretario generale Fim Cisl Umbria e Alessandro Rampiconi segretario generale della Fiom Cgil dopo l’incontro con il vicesegretario del Pd nazionale Giuseppe Provenzano

Un incontro per fare il punto della situazione sulla cessione di Acciai Speciali Terni, ed orientarsi sugli scenari di breve e medio termine. Simone Liti, segretario generale Fim Cisl Umbria e Alessandro Rampiconi segretario generale della Fiom Cgil di Terni, sono intervenuti a margine della riunione con il vicesegretario segretario nazionale del Partito Democratico Giuseppe Provenzato. Nello specifico: “Fim e Fiom hanno colto l’occasione per dar voce ai lavoratori - in un momento particolarmente delicato per il sito di viale Brin e in cui regna l’incertezza - e hanno rimarcato i ritardi e i silenzi delle istituzioni locali, del Governo nazionale e più in generale di tutta la politica, al netto di qualche meritevole azione di singoli parlamentari nazionali ed europei che hanno interessato alcuni commissari europei sul dossier Ast”.

I segretari hanno dunque ribadito al vicesegretario che: “Acciai Speciali Terni deve essere ceduta ad un player industriale capace di competere sui mercati globali, a cui non interessa la mera speculazione finanziaria. La stessa cessione – hanno affermato Liti e Rampiconi - deve avvenire nel complesso del ciclo integrato, scongiurando dannosi spezzatini e salvaguardando gli assetti industriali e i livelli occupazionali e salariali, sia dei lavoratori diretti che dell’indotto”. Su questi punti può e deve giocare un ruolo centrale il Governo nazionale, chiamato ad avviare una interlocuzione con la multinazionale ThyssenKrupp per capirne le strategie di fondo, a partire dal perimetro di vendita. “Non è possibile che da quando si è insediato il Governo Draghi il Mise non abbia mai convocato le parti per verificare l’accordo ponte e gli sviluppi della Fase 1 e poi della Fase 2 della vendita” hanno ricordano i segretari di Fim Cisl e Fiom Cgil. “La richiesta del tavolo ministeriale è stata fatta al sindaco di Terni il 22 aprile e alla presidente della Giunta regionale il 15 giugno scorso”.

Fim e Fiom hanno richiesto un intervento affinché il Governo nazionale, e in modo particolare il ministro dello Sviluppo Economico, chiariscano la posizione in ordine alla produzione, più volte definita strategica, degli acciai speciali. I segretari hanno infine contestualizzato la vendita di Ast nello scenario più generale che interessa il territorio ternano, dove insiste ancora l’area di crisi complessa e in vista dei finanziamenti europei del Pnrr: “Abbiamo l’occasione di rendere ancora più green la produzione di acciaio attraverso nuovi processi e fattori localizzativi, come la piattaforma logistica per il trasporto su mezzi meno impattanti delle materie prime e dei prodotti Ast e più in generale di stimolare la realizzazione di opere infrastrutturali sia materiali che immateriali per rendere competitiva non solo Ast ma l’intero il territorio”. In conclusione, Fim e Fiom hanno ribadito come tutte le vertenze passate siano state gestite nel massimo dell’unità sindacale, ma anche del territorio, con le istituzioni e le forze politiche di governo e opposizione, lavorando nell’interesse generale e rispettando ognuno il proprio ruolo. Il vicesegretario Provenzano, nel recepire le istanze proposte, ha assicurato che - nonostante si sia di fronte ad un accordo tra privati - il Governo può mettere paletti e favorire soluzioni che vadano incontro alle esigenze dei lavoratori, delle imprese e di un’intera comunità. Comunità che non può rinunciare alla propria vocazione, al proprio patrimonio industriale e produttivo di eccellenza per Terni, l’Umbria e il paese tutto.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acciai Speciali Terni, l’appello: “Il sito deve essere ceduto ad un player industriale capace di competere sui mercati globali”

TerniToday è in caricamento