Blog

Collescipoli, nuovi campi da padel in arrivo: “Si va a distruggere un’area vincolata in nome di interessi privati”

L’Associazione Astrolabio: “Nel contempo l’impianto Carlo Bernardini è nel più completo abbandono” evocando anche il bando Sport e Periferie non andato a buon fine

Una lettera aperta quella che L’Astrolabio di Collescipoli sottopone al sindaco Leonardo Latini ed alla Soprintendente Belle Arti e paesaggio dell’Umbria. L’associazione culturale focalizza l’attenzione sulla presentazione - da pare della società sportiva Sporting club Collescipoli - del nuovo progetto il quale riguarda 800 mq di superfici cementificate ed in parte coperte. Un complesso che si andrebbe a computare a quello già esistente, al di sotto del borgo, propedeutico alla pratica della disciplina sportiva del padel.

I cenni storici: “Il colle e l’abitato di Collescipoli sono tutelati dall’articolo 9 della Costituzione, ma anche da un vincolo paesaggistico istituito nel 1957 e poi ampliato dalla Regione Umbria nel 2001 con legge regionale n. 14/80. Il vincolo è motivato: “La zona è meritevole di essere sottoposta a vincolo paesaggistico in quanto, con il borgo di Collescipoli, oltre a formare il vero quadro naturale di singolare bellezza panoramica godibile dal raccordo autostradale, dalla statale Flaminia e dalle provinciali che costeggiano la zona, costituisce un insieme avente valore estetico tradizionale dato dal paesaggio tipico della terra e della cultura umbra, memoria storica del passato da conservare e tramandare”. Nel dicembre 2008 è stato approvato il nuovo Piano Regolatore Generale del Comune di Terni e nelle numerose assemblee aperte ai cittadini, assessori e dirigenti hanno sempre dichiarato che il nuovo strumento urbanistico si prefissava il rispetto del vincolo, limitando le nuove costruzioni solo al completamento, entro limiti, degli edifici esistenti”.

Agosto 2017: “Al Comune veniva presentato da una società costituita allo scopo - Sporting club Collescipoli - il progetto per realizzare, in mezzo al colle, un impianto sportivo. L’autorizzazione, dopo una nostra presa di posizione e quella di alcuni politici, è stata concessa cercando di limitare al minimo l’impatto ambientale.  Con l’autorizzazione venne prescritta una schermatura a valle con piante di alto fusto, mentre nella zona degli spogliatoi l’infoltimento della vegetazione. Soltanto dopo un intervento della nostra associazione presso gli uffici competenti, sono state impiantate alcune piccole piante di leccio (fra venti anni forse schermeranno la struttura)”. Correva l’anno 2019: “Con nostra sorpresa è stata istallata una grande tensostruttura bianca a copertura di uno dei campi (colore che è in contrasto con tutte le precedenti autorizzazioni che imponevano la colorazione di tutte le infrastrutture in verde) che visivamente deturpa il paesaggio del colle di Collescipoli. L’impatto era ancora più evidente di notte quando le luci rendono la struttura luminosa, visibile in ogni parte della conca ternana e di fatto vanificando tutta l’illuminazione turistica del borgo”.

Gli ultimi accadimenti: “Nel mese di febbraio 2020 abbiamo appreso dagli organi di stampa che la vigilanza edilizia è intervenuta constatando una serie di irregolarità sul costruito (dimensioni campi, massetti in cemento), ma soprattutto l’assenza di autorizzazioni nella realizzazione della copertura del campo. Il dirigente ha disposto il blocco dei lavori e la demolizione dei manufatti, riscontrati durante il sopralluogo. A distanza di un anno – sottolineano dall’associazione del presidente Giuseppe Rogari - apprendiamo con stupore che la proprietà dei terreni vuole nuovi 800 metri quadrati di superficie per quattro nuovi campi di cui tre con la copertura. Ricordiamo che la zona è estremamente delicata dal punto di vista paesaggistico e che ulteriori superficie devasterebbero lo skyline del colle. Inoltre ulteriori illuminazioni vanificherebbero l’illuminazione delle mura del borgo a suo tempo concordate con la Soprintendenza. Abbiamo che il nuovo progetto si ritiene ininfluente ai fini ambientali in quanto schermato dalla vegetazione. Riteniamo questa affermazione falsa in quanto gli alberi esistenti sono acacie che in inverno sono spoglie, quindi l’unica schermatura sono le essenze arboree impiantate nel corso dei lavori su nostra sollecitazione; peccato che si tratti di semplici arbusti. Quindi tutto l’intervento sarebbe enormemente impattante. Volgiamo a margine di questa nostra lettera - concludono - per segnalare le enormi infiltrazioni d’acqua che, durante l’inverno, a causa delle impermeabilizzazioni del centro sportivo invadono la sede stradale della statale Collescipolana causando danni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Collescipoli, nuovi campi da padel in arrivo: “Si va a distruggere un’area vincolata in nome di interessi privati”

TerniToday è in caricamento