rotate-mobile
Blog

Comune di Terni, Elena Proietti: “Totale disinteresse verso le istituzioni. Mai sognata di rispondere in determinati modi”

La consigliera traccia un sunto del Question time che l’ha vista presentare tre interrogazioni differenti

Una riflessione a margine post Question time, andato in scena per la prima volta ieri, giovedì 13 luglio, dopo l’insediamento della nuova amministrazione, a guida Stefano Bandecchi. Sono stati esaminati complessivamente tredici atti, tutti provenienti dalle opposizioni, ai quali gli assessori competenti hanno dedicato le rispettive osservazioni, argomentando a dovere in quasi tutti i casi.

La consigliera di Fratelli d’Italia Elena Proietti ha presentato tre differenti interrogazioni riguardanti gli eventi estivi all’Anfiteatro, la manutenzione del verde pubblico ed il progetto di largo Cairoli. Alle prime due ha replicato l’assessore Mascia Aniello mentre per ciò che concerne il restyling dell’area, ha fornito tutti i dettagli del caso l’assessore Marco Iapadre.  

L’intervento di Elena Proietti: “Ho presentato due interrogazioni – ricorda la consigliera - una sull’attività svolta dalle Macchine Celebi all’Anfiteatro romano, chiedendo lumi sull’iter autorizzativo previsto in commissione. La seconda sullo sfalcio del verde pubblico da parte di alcuni volontari, tra i quali alcuni amministratori, chiedendo se ci fossero tutte le tutele di legge verso sé stessi e verso terzi, compresi i lavoratori delle aziende e delle cooperative che vivono anche del taglio dell’erba e della manutenzione della città”. Come scritto in precedenza, la terza sul progetto di riqualificazione di Largo Cairoli.

La replica: “Ho ricevuto quattro parole di risposta dall’assessora Aniello, la quale ha affermato che era tutto in regola. Una risposta durata qualche decina di secondi. Sono rimasta allibita da tale comportamento – afferma Proietti - dalla superficialità, dal mancato rispetto verso il Consiglio comunale, organo di massima rappresentanza della città. Non ho mai assistito in tanti anni di lavori consigliari a risposte del genere, né io come assessora mi sono mai sognata di rispondere in questo modo ad alcun consigliere.”

Ed ancora: “Non solo – aggiunge - nel susseguirsi dei lavori l’assessora ha avuto modo di bollare come “non serie” le mie interrogazioni che pure nascono da segnalazioni dei cittadini e dalla attenta lettura degli atti amministrativi che regolano sia l’attività dell’Anfiteatro che della cura e della manutenzione della città.
Infine – conclude Elena Proietti - anticipo all’assessora che non andrò ad unirmi con lei nel taglio dell’erba perché il mio compito istituzionale non è quello di sopperire alle loro false promesse elettorali”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune di Terni, Elena Proietti: “Totale disinteresse verso le istituzioni. Mai sognata di rispondere in determinati modi”

TerniToday è in caricamento