rotate-mobile
Blog

Terni, Mascia Aniello: “Un piano straordinario di potature e piantumazioni dopo dieci anni di incuria totale”

L’assessore al verde pubblico: “Il 2024 sarà per Terni un anno importante: la politica prenderà le decisioni davvero in un'ottica di pianificazione a lungo termine”

“Quando la mancanza di programmazione e di manutenzioni ordinarie, su ogni fronte, si perpetra per così tanto tempo, ecco che si rendono necessari interventi straordinari per riportare le cose alla normalità. E' quanto faremo per gestire in modo efficace anche il patrimonio arboreo cittadino: dopo mancate potature, mancate messe a dimora, dopo inesistenti valutazioni tecniche sulle specie da piantumare, dopo interventi dannosi che hanno portato alla morte prematura degli alberi o, nella migliore delle ipotesi, a un inevitabile deterioramento, finalmente si cambia.

Il 2024 sarà per Terni un anno importante: la politica prenderà le decisioni davvero in un'ottica di pianificazione a lungo termine, con correlate considerazioni tecnico-scientifiche, agli antipodi di troppe fatue scelte del passato, orientate da mero cinismo elettoralistico.  A tal fine, nei giorni scorsi, gli uffici hanno indetto un avviso pubblico per manifestazioni di interesse, un appalto da 140.000 euro: entro il 31 marzo, ultima data utile per le potature, procederemo così a un intervento massiccio di sfoltimento in numerosissime zone della città, da via dello Stadio a viale Aleardi, da via Tre Venezie a via Rossini, da via Liutprando a viale della Stazione, da via del Rivo a Lungonera, da via Battisti a via Angeloni, da via Curio Dentato a via I Maggio, da viale VIII Marzo a viale Villafranca, da via Mazzini a via Alfonsine, fino a Piediluco e a tante altre zone. Un'operazione generalizzata e qualificata che a Terni mancava da oltre 10 anni.

Restituiremo una città più presentabile e più illuminata nottetempo, visto che, negli ultimi lustri, sono mancate le potature in ogni dove. Nel frattempo, sin dalle prossime ore, AFOR sarà impegnata a piazza Tacito per lo sfoltimento e la risagomatura delle essenze qui presenti, il cui stato di incuria incide negativamente sia sulla sicurezza pubblica, con una piazza oggi davvero buia, sia sull'igiene urbana, con il pervasivo stazionamento degli storni, fonte pluristagionale di problemi per residenti, attività commerciali e passanti.

Allo stesso tempo si procederà con le piantumazioni già programmate nel secondo semestre del 2023, oltre a una parte di quelle previste per l'anno corrente. I tecnici hanno suggerito le seguenti specie, quasi tutte autoctone: carpino, acero campestre, tiglio, leccio, frassino minore e frassino ossifillo, cipresso comune e querce roverelle. Le valutazioni hanno riguardato numerose e puntuali variabili, tra cui l'adattabilità all'ambiente urbano e alle condizioni climatiche, nonché la capacità depurativa rispetto agli agenti inquinanti. E' stato considerato anche il posizionamento: sugli assi stradali, ad esempio, si preferiranno piante sempreverdi, che contribuiranno a proteggere l'abitato dal rumore e dalle polveri sottili.

Questo è solo un primo, importante passo verso una gestione manageriale non solo del verde, ma dell'intera Pubblica Amministrazione comunale: professionale nella programmazione, attenta nell'esecuzione, zelante nelle manutenzioni”.

Assessore al verde pubblico*

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, Mascia Aniello: “Un piano straordinario di potature e piantumazioni dopo dieci anni di incuria totale”

TerniToday è in caricamento