rotate-mobile
Blog

Navigator in Umbria, Thomas De Luca: “L'unico assessore allo Sviluppo economico felice dei licenziamenti ce l'abbiamo noi”

Il consigliere regionale del Movimento cinque stelle: “. Sfugge il senso di tanto compiacimento, anche alla luce del fatto che in quattro anni non è stato in grado di dare alcun valore aggiunto alla creazione di posti di lavoro”

Una mansione collegata al Reddito di cittadinanza, propedeutica per facilitare l’inserimento e/o il reinserimento sul mercato del lavoro, del singolo beneficiario. I ventidue Navigator, operanti nella Regione Umbria, non proseguiranno la loro esperienza professionale, poiché non verrà prorogato il contratto di lavoro.

Il consigliere del Movimento cinque stelle Thomas De Luca commenta a riguardo: “L'unico assessore allo Sviluppo economico felice dei licenziamenti ce l'abbiamo in Umbria. Per l'assessore Michele Fioroni la mancata proroga dei 22 navigator, gli impiegati assunti per facilitare la ricerca lavorativa dei percettori di Reddito di Cittadinanza, è una notizia da accogliere con grande soddisfazione. Sfugge il senso di tanto compiacimento, anche alla luce del fatto che in quattro anni non è stato in grado di dare alcun valore aggiunto alla creazione di posti di lavoro”.

Il pensiero di Thomas De Luca: “Che fine ha fatto il progetto tanto sbandierato della Sustainable Valley che avrebbe dovuto portare alla reindustrializzazione del polo chimico di Terni? Ora che anche le elezioni politiche sono alle spalle e la formazione del nuovo governo è completa, non ci sono più scuse per rinviare ulteriormente la convocazione al Mise delle parti sociali che aspettano risposte per i lavoratori ancora appesi alla sola cassa integrazione. Si compiace, e sfugge il motivo, l'assessore Fioroni per la decisione del Ministero del Lavoro sui navigator, ma i lavoratori della Treofan alla fine si dovranno accontentare, se tutto va bene, di essere ricollocati”.

Ulteriori riflessioni: “Invece di esultare per 22 navigator che restano senza lavoro, l'assessore Fioroni dovrebbe dare spiegazioni sull'atteso closing dell'accordo tra Jindal e il gruppo intenzionato a rilevare lo stabilimento ternano. Mentre le priorità del nuovo governo finora sono state alzare l'uso del denaro contante a 10 mila euro, promulgare la legge manganello per dare una stretta ai pericolosissimi raduni e stabilire che la dicitura per la nuova premier è "il" presidente del consiglio. L'assessore Fioroni dovrebbe favorire l'occupazione e tutelare il lavoro, anziché esultare per chi il lavoro lo perde. Anche perché il suo governo sta facendo di tutto per lasciare i disoccupati senza nemmeno un supporto economico per sopravvivere. Le politiche del lavoro collegate al Reddito di cittadinanza – conclude - sono state letteralmente boicottate dalle regioni governate dal centrodestra che, come noto, hanno competenza per quanto riguarda i centri dell'impiego”.

I navigator, subentrati in piena pandemia, hanno aiutato il 30% dei percettori di Reddito ad essere ricollocati, considerando poi che circa il 45% degli aventi diritto già lavora con stipendi da fame e che circa 2 milioni sono anziani, minori e persone con disabilità, cioè persone fuori dal mercato del lavoro. La destra, dopo aver usato i poveri carne da macello per la campagna elettorale, oggi si compiace della sua stessa incapacità di creare lavoro. Intanto che Fioroni esulta, ci sono 11 mila famiglie umbre che rischiano di restare senza pane, senza riscaldamento e senza assistenza sanitaria. L'assessore trova divertente anche questo?

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Navigator in Umbria, Thomas De Luca: “L'unico assessore allo Sviluppo economico felice dei licenziamenti ce l'abbiamo noi”

TerniToday è in caricamento