rotate-mobile
Blog

“L’ospedale di Terni rischia di perdere due strutture d’eccellenza”

Il consigliere regionale del Partito democratico, Fabio Paparelli, annuncia la presentazione di una interrogazione alla giunta per avere chiarimenti su “endocrinologia e diabetologia che saranno ricollocate a Perugia”

Con l’approvazione del nuovo atto di programmazione della rete ospedaliera regionale, deliberato lo scorso 28 dicembre dalla giunta, l’azienda ospedaliera di Terni sta per perdere due strutture d’eccellenza quali endocrinologia–diabetologia e dietologia-nutrizione clinica.

Il combinato disposto tra il paragrafo 5 del provvedimento, da cui emerge come la disciplina denominata ‘malattie endocrine, nutrizione e ricambio’ sarà riunificata sotto la direzione di un’unica struttura complessa, e la tabella C di pagina 50, con cui si attribuisce la stessa materia all’azienda ospedaliera di Perugia, fa sì che non ci siano dubbi, rispetto allo scippo di competenze che sta per essere compiuto nei confronti dell’ospedale di Terni.

Per altro, ciò è accaduto con buona pace dell’assessore regionale alla sanità Luca Coletto che, ad una mia interrogazione del dicembre 2021, aveva risposto che a Terni non sarebbe stata posta in essere “alcuna riorganizzazione aziendale, permanendo attive le due strutture complesse ospedaliere di endocrinologia e di diabetologia, dietologia e nutrizione clinica”. Viene perciò da chiedersi se Coletto non sapesse davvero di che cosa stesse parlando, oppure se nel frattempo ha dovuto cambiare idea, sulla base delle decisioni diverse prese dalla presidente della Regione Donatella Tesei.

Per questo motivo, ho presentato un’interrogazione urgente alla giunta regionale affinché venga confermato o smentito ciò che è riportato nel piano approvato a fine anno, e, in particolare, rispetto all’accorpamento delle due strutture complesse di endocrinologia e diabetologia presenti a Terni che saranno riunificate sotto l’egida dell’Università degli Studi e ricollocate a Perugia.

Per Terni sarebbe un altro colpo durissimo, considerato il fatto che stiamo parlando di un punto di eccellenza regionale che, a partire dalla delibera del 2014, svolge un’attività preziosa rispetto a patologie sempre più diffuse e pericolose specie per il binomio obesità-diabete. La scelta di demolire la struttura per portarla a Perugia non tiene conto neppure degli atti di indirizzo votati unanimemente del Comune di Terni nel 2020 e finalizzati a mantenere integralmente l’identità del sevizio della struttura complessa di dietologia, nutrizione clinica e diabetologia con il relativo organico e dall'altro quella di endocrinologia, disconoscendo, di fatto, anche il ruolo di autorità sanitaria locale al sindaco della città.

*consigliere regionale del Partito democratico

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“L’ospedale di Terni rischia di perdere due strutture d’eccellenza”

TerniToday è in caricamento