rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Blog

“Sanità nel caos: stiamo affrontando la quinta ondata Covid, ma per la Regione è come se fosse la prima”

Intervento di Marco Erozzardi (Nursind): “Tracciamento fallito e file vergognose ai tamponi, reparti chiusi negli ospedali e personale sanitario spostato dalla sera alla mattina: ecco tutte le inefficienze del nostro sistema”

Al 29 dicembre 2021 tutte le inefficienze di questa gestione della emergenza pandemica perpetrate ai danni della popolazione umbra e dei professionisti della sanità regionale in questi quasi 24 mesi sono esplose in modo eclatante.

Operazioni di tracciamento nuovi casi fallito con file vergognose nei drive trought e nelle farmacie, nonché personale preposto all’esecuzione tamponi lasciato in balia delle intemperie del mese di dicembre senza adeguate protezioni; aumento di ricoveri Covid, senza aver precedentemente preparato alcuna strategia per aumentare posti letto disponibili negli ospedali; reparti chirurgici e sale operatorie chiuse a Pantalla, Castiglione del Lago e Assisi con infermieri spostati come pacchi, dalla sera al mattino, e costretti a fare anche di 80 Km. (160 tra andata e ritorno) perché trasferiti presso Città di Castello, con il restante personale dirottato verso le operazioni di tracciamento e vaccinazione; RSA nell’impossibilità di poter accogliere pazienti a causa della mancanza di zone grigie dove poterli fare sostare per 7 giorni prima dell’inserimento vero e proprio, congestionando ulteriormente gli ospedali, ma anche a causa della gravissima carenza di personale infermieristico ed OSS; sanitari assenti in numero considerevole, per quarantena da contatto o infezione Covid, non sostituito e che costringe il restante personale a sovraccaricarsi di lavoro e ore di straordinario.

È la quinta ondata ma per la nostra amministrazione regionale della sanità è sempre come fosse la prima volta! Stessi errori, stessa mancanza di lucidità e visione prospettica, stessa incapacità di programmazione e implementazione di politiche per il reclutamento di personale!

Non fanno altro che ripeterci che stanno assumendo personale sanitario ogni giorno. Avevano promesso più di un anno fa 1.500 unità! Ma se queste assunzioni fossero davvero state fatte, non vi sarebbe, ad esempio, la necessità di chiudere servizi importanti per le comunità e dirottare il personale altrove, non vi sarebbero file per i tamponi e impossibilità di accesso in RSA!

Crediamo che la gestione della sanità in Umbria debba cambiare immediatamente modalità operative per non lasciare macerie ovunque al termine di questa scellerata gestione di 2 anni di emergenza, ma soprattutto crediamo debba cambiare, con estrema sollecitudine, la guida dell’assessorato alla salute. Assessorato che non ascolta i problemi dei singoli cittadini, delle comunità, dei sindaci e soprattutto di chi nel sistema sanità umbro vi lavora da anni, rifiutando ogni genere di confronto, da noi più volte sollecitato a nome della categoria infermieristica, quella che più di tutte sta pagando le conseguenze di decisioni imbarazzanti. Ed ovviamente senza tirare fuori un centesimo dalle casse regionale per remunerare gli sforzi e sacrifici fatti.

*coordinatore regionale Nursind

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Sanità nel caos: stiamo affrontando la quinta ondata Covid, ma per la Regione è come se fosse la prima”

TerniToday è in caricamento