Blog

“Da un momento all’altro Terni rischia di perdere il reparto di cardiochirurgia dell’ospedale”

L’allarme di Claudio Fiorelli, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle: “Un’eccellenza continuamente sotto organico e in forte stress. Serve una mobilitazione generale”

Il Santa Maria non può permettersi di perdere la cardiochirurgia. Il rischio concreto è di chiudere un reparto di eccellenza che porta avanti diverse attività ed è in grado, da solo, di fare budget generando entrate sufficienti per coprire i costi operativi e contribuendo agli utili complessivi dell’ospedale di Terni. È necessario che i ternani si mobilitino contro l’assenteismo della Regione perché le condizioni di lavoro sono drammatiche visto che il reparto attualmente conta in organico appena cinque professionisti, già di per sé un numeroso esiguo, senza contare che due di questi sono in malattia.

Ad oggi il reparto si poggia sull'attività di tre cardiochirurghi tra cui il primario facente funzione il quale, proprio perché facente funzione e per il fatto che non c’è nessun concorso all’orizzonte, potrebbe benissimo guardarsi intorno per trovare una migliore sistemazione. Se da un momento all'altro dovesse andarsene, vorrebbe dire restare con appena due cardiochirurghi e quindi, di fatto, chiudere un reparto di eccellenza che porta avanti diverse attività e riesce a mantenere al tempo stesso un bilancio positivo, come dimostrano i dati riportati dal direttore generale.

La giunta regionale di centrodestra dichiara di voler continuare a puntare sul reparto cardio-toraco-vascolare, ma in questi anni non ha fatto nulla per agevolarne lo sviluppo. Nel mese di gennaio verrà da Perugia un neo specialista assunto con contratto a tempo determinato. Questo è il modo con cui la Regione in tutto questo tempo ha approcciato alla mancanza di personale cardiochirurgico: con un contratto a tempo determinato di un neo specialista che non cambia per nulla la situazione precaria del reparto.

Serve una mobilitazione dei ternani perché le condizioni sono drammatiche. Da un momento all’altro Terni rischia di perdere un reparto di eccellenza e questo, per i cittadini, significherebbe dover ricorrere a medicina d’urgenza oppure essere costretti ad andare a Roma o a Perugia.

*consigliere comunale Movimento 5 Stelle Terni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Da un momento all’altro Terni rischia di perdere il reparto di cardiochirurgia dell’ospedale”
TerniToday è in caricamento