rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Blog

Riorganizzazione dei servizi educativi: “Esaurita la disponibilità economica. Situazione a rischio per famiglie e lavoratori”

“Forse è arrivato il momento di giocare a carte scoperte perché è evidente che il miglior modo per smantellare i servizi pubblici è quello di non farli funzionare a dovere” affermano i consiglieri del Movimento Cinque Stelle

“Stando a quanto ci viene riferito è già esaurita la disponibilità economica del comune di Terni, per le sostituzioni del personale educativo dei nidi e delle scuole dell'infanzia”. I consiglieri comunali del Movimento Cinque Stelle focalizzano l’attenzione sulla riorganizzazione dei Servizi Educativi. Secondo i pentastellati: “In due mesi sembrerebbero già terminati i 150 mila euro dell'appalto alla società interinale. Una situazione che nostro malgrado ci obbliga ad interrogare sindaco e giunta, soprattutto per capire anche cosa si intenda fare per scongiurare, già da anno nuovo, una situazione che rischia di essere insostenibile per famiglie e lavoratori. Come forze di opposizione avevamo già lanciato l’allarme, suscitando anche una risposta stizzita dell’assessora alla scuola Cinzia Fabrizi”.

Ed ancora: “Purtroppo di quanto era stato profetizzato nulla è caduto, considerando che dopo il depauperamento del personale impegnato su questo fronte e le tante scelte sbagliate si rischia di aumentare a dismisura il carico di lavoro sulle educatrici di ruolo, già chiamate a lavorare sopra le forze.
Quelle stesse insegnanti con le quali da una parte si cerca di fare cassa tagliando le indennità di servizio e dall’altra si chiede di sopperire ad una situazione assurda, dove anche una singola assenza determinata da motivi di salute o per problemi personali rischia di diventare un problema organizzativo insormontabile per tutto l’apparato dei servizi scolastici. Quello che desta ancora più preoccupazione – aggiungono i consiglieri - è che la cattiva amministrazione della giunta Latini sembra ormai indirizzata verso la privatizzazione dei servizi. Una volontà già dimostrata con la delibera che ha portato allo stanziamento di soldi delle casse comunali verso le scuole private”

La riflessione finale dei consiglieri: “Forse è arrivato il momento di giocare a carte scoperte perché è evidente che il miglior modo per smantellare i servizi pubblici è quello di non farli funzionare a dovere, mortificando i bisogni delle famiglie e le professionalità impegnate”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riorganizzazione dei servizi educativi: “Esaurita la disponibilità economica. Situazione a rischio per famiglie e lavoratori”

TerniToday è in caricamento