Mercoledì, 17 Luglio 2024
Blog

Terni, sfruttamento delle acque: “La Regione Umbria procede e non ascolta nessuno. Gravissima l’assenza del Comune in commissione”

Intervento del capogruppo del Movimento cinque stelle Claudio Fiorelli e del gruppo territoriale pentastellato

“La Regione Umbria sta procedendo alla pubblicazione del bando per la selezione dei concessionari per lo sfruttamento delle acque nei siti di San Gemini, Acquasparta, Montecastrilli e Terni senza alcun confronto preventivo con i territori, le comunità locali e le parti sociali. Questo è quanto emerso dall'audizione in Seconda commissione regionale dei soggetti istituzionali e interessati riguardante le imminenti procedure per la selezione dei concessionari.

Dopo che i sindacati del settore agroalimentare Cgil, Cisl e Uil (Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil) hanno recentemente lanciato un appello alle istituzioni locali manifestando preoccupazione per la mancanza di risposte da parte della Regione Umbria, il Movimento 5 Stelle esprime profonda preoccupazione e indignazione per l'assenza durante l'audizione sia degli assessori regionali (presenti solo dei tecnici), sia della giunta comunale di Terni, nella fattispecie del sindaco Bandecchi formalmente invitato a partecipare o dell'assessore allo sviluppo economico, Sergio Cardinali, in sua sostituzione.

Ricordiamo che tra i comuni coinvolti nelle concessioni c'è anche il territorio comunale di Terni, inoltre sono svariati i lavoratori dello stabilimento che vivono nel nostro comune, ma probabilmente l'assessore allo sviluppo economico avrà avuto di meglio da fare mentre la maggioranza cade a pezzi. Questo incontro, fondamentale per il futuro delle concessioni per l’emungimento delle acque nei siti Sangemini e Amerino e per attirare ulteriori investimenti nel territorio avrebbe dovuto vedere la partecipazione attiva del Comune di Terni, dato il suo interesse anche strategico nello sviluppo del territorio e per l'impatto diretto sulle comunità locali.

È inaccettabile che l'assessore allo sviluppo economico sembri ormai dedicarsi, esclusivamente e supinamente, agli interessi di AST, trascurando gravemente altre questioni rilevanti per il nostro territorio. Tale comportamento denota una preoccupante mancanza di attenzione sia da parte della Regione che trova terreno fertile con un sindaco di Terni più preoccupato a risolvere l'emorragia di esponenti in fuga dal suo partito che a difendere gli interessi della comunità.

È fondamentale che le istituzioni locali si impegnino con serietà e dedizione per garantire lo sviluppo sostenibile del nostro territorio, tutelando al contempo i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, nonché ad agevolare la messa a terra degli importanti investimenti che si potrebbero sviluppare da questo importante passaggio. Il nostro impegno è volto a garantire trasparenza, equità e sviluppo per Terni e per tutte le comunità coinvolte. Invitiamo la giunta comunale e la Regione Umbria a collaborare attivamente e a fornire risposte concrete e tempestive alle legittime preoccupazioni sollevate in queste ore dalle varie parti coinvolte".

Capogruppo Movimento cinque stelle*

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, sfruttamento delle acque: “La Regione Umbria procede e non ascolta nessuno. Gravissima l’assenza del Comune in commissione”
TerniToday è in caricamento