rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Blog

Elezioni a Terni: “Continuiamo per la nostra strada con gli amici che hanno intenzione di costruire il campo bello”

Intervento di Luca Simonetti del Movimento cinque stelle: “Invito tutti a non fare i conti senza l'oste perché il M5S di Terni non è quello del Lazio, il centrodestra di Terni non è quello del Lazio”

Tre mesi esatti dalla tornata amministrativa di Terni. Il 14 maggio infatti dovrebbe essere la data scelta (21 e 28 le altre soluzioni alternative) per consentire ai cittadini di poter scegliere sindaco e componenti del Consiglio comunale. Al momento il solo candidato ad aver sciolto le riserve è Stefano Bandecchi. Negli ultimi giorni la candidatura del primo cittadino uscente Leonardo Latini è tornata in bilico. Nessuna comunicazione ufficiale è pervenuta dalle forze di centrosinistra.

Il Consigliere comunale Luca Simonetti, esponente di spicco del Movimento cinque stelle ternano, è intervenuto sull’esito delle consultazioni di Lazio e Lombardia: “Sono 15 anni che dopo ogni elezione locale il M5S è morto, salvo poi scoprire che non è così. Sono 15 anni che dopo ogni elezione locale ascoltiamo improbabili letture che vanno a creare parallelismi tra elezioni nazionali, comunali e regionali” esordisce il consigliere. “Eppure i dati dicono che nello stesso comune, tra nazionali, regionali e comunali le liste del Movimento possono avere risultati divergenti anche di decine di punti”.

Le motivazioni addotte. “Questo perché semplicemente le elezioni regionali hanno le loro regole, sono meno sentite e il voto utile ha molta più presa sul corpo elettorale, situazione che si può manifestare sia nel voto che nell'astensionismo, come avvenuto in maniera catastrofica in queste elezioni alterate fortemente dal voto delle politiche, dal contesto e dal non voto”.

Dalle regionali agli scenari per la città: “Invito tutti a non fare i conti senza l'oste perché il M5S di Terni non è quello del Lazio, il centrodestra di Terni non è quello del Lazio, il PD ternano non è quello del Lazio. Chi in questi giorni ha scritto che in Umbria il MoVimento 5 Stelle si vuole contare facendo improbabili prove di forza, lo sta facendo ragionando con la testa di chi non ha mai avuto l'umiltà di capire che la politica è servizio. L'obiettivo del M5S è quello di evitare che l'assenza di proposte forti e credibili aumenti l'astensionismo che avvantaggia le destre. Su questo stiamo lavorando mettendoci al servizio. Per noi politica significa passione, significa "rivoluzione" e non restaurazione”.

L’indicazione: “Continuiamo per la nostra strada con gli amici che hanno intenzione di costruire il "campo bello" quello della città libera, pensante, con la schiena dritta e senza cappello in mano. Le analisi e gli "analisti" li lasciamo nel Lazio in attesa che riprendano lucidità e capiscano che tra tre mesi sarà un'altra partita in un mondo cambiato con dei progetti diversi in campo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni a Terni: “Continuiamo per la nostra strada con gli amici che hanno intenzione di costruire il campo bello”

TerniToday è in caricamento