menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Acciai Speciali Terni: “Tema sicurezza e quadro sanitario delineato. Ora passi avanti per la riapertura”

Il gruppo consiliare di Uniti per Terni: “Il nostro auspicio non vuole entrare in dinamiche aziendali ma parte dal presupposto che Ast sia fondamento della attività produttiva cittadina”

Si avvicina a grandi passi la data di sabato 3 aprile, linea di demarcazione originaria relativa all’emergenza Coronavirus. Sebbene ci sia stata una prosecuzione dello stop (annunciata dal premier Giuseppe Conte ndr) il futuro immediato di Acciai Speciali Terni non è ancora completamente cristallizzato. A tal proposito nel corso della riunione in videoconferenza di ieri tra i sindacati ed il Prefetto sarebbe emersa la volontà, da parte dell’azienda, di riprendere a lavorare in deroga al decreto. Intanto il sito produttivo è stato messo in sicurezza con una serie di interventi mirati e previsti dagli ultimi DPCM.

Il gruppo consiliare Uniti per Terni, in merito alla situazione di Ast, ha dichiarato:

“Riteniamo – dichiarano i consiglieri di Uniti per Terni Paola Pincardini, Anna Maria Leonelli, Emanuele Fiorini e Valdimiro Orsini che la questione della sicurezza posta dalle maestranze di Ast a fronte della emergenza Coronavirus sia tema centrale, da quale non può prescindere ogni altro ragionamento.

Riteniamo altresì che a fronte di un quadro che rispetto ad alcuni giorni fa si è meglio delineato – anche dal punto di vista sanitario -  occorra fare passi in avanti per la riapertura dell’attività produttiva di Ast.

 In questi giorni abbiamo letto gli appelli nazionali di produttori di supporti sanitari comunque indispensabili, dai letti ospedalieri ai contenitori di ossigeno, che reclamano la necessità di avere a disposizione acciaio, quale elemento imprescindibile delle loro produzioni.

Sempre in questi giorni tutti quanti noi abbiamo registrato il grido di allarme dei vertici aziendali che temono che Ast possa – a causa di questo fermo dettato dall’emergenza – non soddisfare le richieste del settore sanitario e connessi ma anche ad avere grandissime difficoltà future di mercato, in quanto i produttori europei e mondiali – anche nei paesi più colpiti dalla pandemia – non hanno cessato le loro produzioni siderurgiche.

In questi giorni, elemento tutt’altro che secondario, ci risulta che si sia lavorato su protocolli che possano garantire meglio la sicurezza all’interno degli stabilimenti Ast.

Per questo riteniamo che azienda e organizzazioni sindacali e Rsu debbano quanto prima trovare una intesa sulla ripresa produttiva. Il nostro auspicio non vuole entrare in dinamiche aziendali ma parte dal presupposto che Ast sia fondamento della attività produttiva della città di Terni, nonché produzione strategica del sistema Italia. A tal proposito siamo fieri – come tutti i Ternani – delle battaglie cittadine a difesa di uno stabilimento che è parte della storia moderna dell’Italia e che tanto ancora può dare per lo sviluppo e il ruolo della nostra Italia”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento