Agente accoltellato, l’aggressore patteggia ed è espulso

Lo scorso luglio aveva ferito alla mano il sovrintendente capo Claudio Nannini. Stamattina il tunisino 19enne ha patteggiato 2 anni e 6 mesi di reclusione

Il poliziotto Nannini, foto da Facebook

Era lo scorso luglio quando il poliziotto Claudio Nannini, sovrintendente capo della Squadra Mobile di Terni, veniva ferito ad una mano da un cittadino straniero che era stato fermato per un controllo in centro. L’aggressore Amor Layouni, 19 anni di nazionalità tunisina, era stato individuato e arrestato solamente tre giorni dopo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cos’era successo

Una vicenda che, dopo gli elogi per il poliziotto da parte del ministro degli Interni Matteo Salvini, del capo della polizia Franco Gabrielli e dell’encomio del Comune di Terni, si chiude definitivamente oggi: stamattina l’avvocato difensore Francesco Mattiangeli ha patteggiato per l’aggressore, con il pm Camilla Coraggio, 2 anni e 6 mesi di reclusione con l’accoglimento del giudice per le indagini preliminari Federico Bona Galvagno. Ora Amor Layouni, attualmente detenuto presso la casa circondariale di Terni, sarà espulso e accompagnato a Fiumicino per il successivo trasferimento in Tunisia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Coronavirus, scuole chiuse a Terni. La rabbia dei genitori: “Impossibile gestire la vita di una famiglia. Avvertiti troppo tardi”

  • Covid, le previsioni che spaventano: tra novembre e dicembre possibili più casi che nella fase 1

  • Primario del Santa Maria di Terni positivo al covid-19. Tamponi a tappeto

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento