menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Aggressione brutale a largo Ottaviani, indagini a tappeto della polizia di Terni: tre giovani denunciati

Si tratta di due italiani di origini albanesi, uno di 19 e uno di 21 anni e di un kosovaro di 22 tutti con precedenti penali

Una settimana di indagini serrate, controlli a tappeto, raccolta delle dichiarazioni delle vittime e dei testimoni presenti. Intorno alla mezzanotte di giovedì 21 maggio, a largo Ottaviani lungo frequentato da molti ragazzi, si è verificato un episodio di cronaca. Alcuni di questi avevano tentato di approcciare una ragazza, arrivata in compagnia di tre amici. Uno in particolare, si era mostrato particolarmente interessato e quando si era reso conto che la ragazza non ne voleva sapere, aveva iniziato ad offendere i suoi amici, spalleggiato dagli altri che stavano con lui.

La ragazza e i suoi tre amici - studenti universitari ternani di 20 anni - a quel punto avevano deciso di andarsene, proprio per evitare guai. Tuttavia venivano attaccati alle spalle dall’altro gruppo. Due rimanevano feriti in modo leggero ma uno, rimasto a terra, veniva preso a calci brutalmente, riportando numerose ecchimosi e la frattura di due costole con una prognosi di venti giorni.

A seguito delle indagini si è risalito agli autori del gesto. Si tratta di due italiani di origini albanesi, uno di 19 e uno di 21 anni e di un kosovaro di 22 tutti con precedenti penali: lesioni personali e furto per i due italiani, oltre che diverse segnalazioni per aver assunto sostanze stupefacenti per uno dei due e furto, lesioni e rapina per il kosovaro al quale, 15 giorni prima dell’aggressione, gli era stata notificata la misura di prevenzione dell’avviso orale disposta dal questore di Terni.

Sono stati tutti e tre denunciati per lesioni personali aggravate in concorso e ora anche nei confronti degli altri due indagati è stata emessa la misura di prevenzione dell’avviso orale, sempre del questore, a seguito di ulteriori accertamenti della divisione anticrimine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento