Aggressione in ospedale, detenuto si scaglia contro due agenti e un infermiere

L’episodio si è verificato ieri pomeriggio, la denuncia arriva dal Sarap: “I servizi esterni non sono idonei e non rispettano i canoni di sicurezza”

Si è scagliato contro due agenti e un infermiere senza alcun motivo. L’episodio si è verificato ieri pomeriggio presso l’ospedale Santa Maria. Protagonista del grave episodio, un detenuto bosniaco proveniente dalla casa circondariale di Orvieto che ieri pomeriggio, intorno alle 17,30, ha aggredito gli agenti – uno dei quali ha riportato un trauma alla fronte e rottura di un dente - che erano in servizio piantonamento, coinvolgendo anche un infermiere.

La denuncia arriva dal Sarap (Sindacato autonomo ruolo agenti penitenziaria): “I servizi esterni non sono idonei e non rispettano i canoni di sicurezza sia per le condizioni strutturali – afferma il coordinatore nazionale Esposito Roberto – a causa della mancanza di reparti detentivi all'interno dei nosocomi nazionali, sia in rapporto detenuto agente il più delle volte sotto organico, riteniamo utile l'intervento degli organi deputati dell'amministrazione penitenziaria ad agire per la tutela di quel ruolo degli agenti e assistenti che subiscono quotidianamente aggressioni. Pertanto onoriamo il lavoro  del ruolo agente/assistente che nonostante le molte inefficienze  dell'amministrazione  opera con dedizione e professionalità dentro e fuori gli istituti penitenziari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento