Allarme bomba, linea ferroviaria interrotta: disagi e ritardi per pendolari e viaggiatori

Le verifiche dell’autorità giudiziaria sono scattate dopo la segnalazione delle 13.50. Interessata tutta la linea adriatica, compresa la Terni-Sulmona

Dalle 13.50 il traffico ferroviario sulle linee Terni-Sulmona, Pescara-Sulmona, Civitanova Marche-Albacina, Porto d’Ascoli-Ascoli, Giulianova-Teramo, Pescara-Ancona è sospesa per accertamenti tecnici dell’autorità giudiziaria.

Gli accertamenti sono dovuti ad un allarme bomba che in questi minuti viene verificato dagli inquirenti. Tutti i treni sono fermi e con almeno 60 minuti di ritardo. Numerosi i disagi per i pendolari visto che anche i treni regionali sono stati fermati.

"L’interruzione del traffico - si legge in una nota di Rfi -  si è resa necessaria per consentire all’Autorità Giudiziaria di effettuare accertamenti nella stazione Pescara Centrale dopo la segnalazione anonima di un allarme bomba. La stazione e il posto centrale, dal quale si controlla la circolazione ferroviaria di alcune linee in Abruzzo, Marche, Umbria e Molise, sono stati evacuati. Nessun treno è fermo in linea”.

Tutto è partito da una telefonata anonima che segnalava la presenza di quattro ordigni radioattivi sul posto. Le forze dell’ordine si sono occupate della messa in sicurezza della zona. I rilievi dei vigili del fuoco e degli artificieri della polizia hanno escluso al momento la presenza di radioattività.

Notizia in aggiornamento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia della follia: uccide moglie e figlia e poi si suicida

  • Maltempo su Terni e provincia, allagamenti e disagi: ragazza al sicuro prima dell'arrivo della piena

  • Il sindaco Latini chiama a casa dei ternani: “Il comune ha attivato un nuovo servizio”

  • L’acciaio, la città operaia e il trionfo della Lega: il “caso” Terni fa il giro d’Europa

  • Incidenti stradali, a Terni il triste primato delle strade più pericolose dell’Umbria: ecco quali sono

  • Trova a terra un portafoglio con 800 euro e lo restituisce al proprietario, protagonista della buona azione Francesco Ferranti

Torna su
TerniToday è in caricamento