menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allarme smog, tornano le ordinanze: stop al traffico e caminetti spenti. “Relazione tra inquinamento e Covid”

I provvedimenti entrano in vigore dopo il 7 dicembre e saranno operativi dal primo superamento di polveri sottili rilevato dalle centraline. Salvati: è ricominciata la stagione critica

“Considerato l’impatto che una cattiva qualità dell’aria produce sulla salute umana, e che i primi studi medico-scientifici condotti in merito hanno evidenziato una relazione diretta tra il numero di casi di infezione da Covid19 e lo stato di inquinamento da polveri sottili, non possiamo sottrarci dal dovere di assumere i provvedimenti necessari a mitigare questa situazione”.

Dopo il 7 dicembre, al primo superamento registrato dalle centraline di monitoraggio dell’aria, entreranno in vigore le misure di limitazione dell’inquinamento nella zona di salvaguardia ambientale, ovvero su tutto il territorio comunale, salvo le zone indicate nell’ordinanza. Lo stabiliscono due nuove ordinanze sindacali firmate oggi a tutela della salute pubblica.

La prima ordinanza riguarda il traffico veicolare: rispetto all’analogo provvedimento dello scorso anno, per il momento, le auto diesel interessate dal blocco sono solo quelle di categoria euro 0, euro 1 ed euro 2, mentre resta confermato, come nella precedente stagione invernale, il blocco per le auto benzina fino a euro 1 incluso. Tale misura entrerà in vigore a partire dalla domenica successiva al primo superamento registrato dalle centraline. Gli orari del blocco restano quelli dello scorso anno: 8.30-12.30 e 14.30-18.30. Vengono anche confermate tutte le deroghe.

Con la seconda ordinanza, come lo scorso anno, a partire dal lunedì successivo al primo superamento, si applicherà anche il divieto di utilizzo dei caminetti tradizionali e degli impianti di combustione a biomasse vegetali, che varrà dal lunedì al giovedì h24 nelle zone poste a meno di 300 metri di quota.

Entrambe le ordinanze sono dunque attive dal 7 dicembre, ma entrano in vigore solo nel caso di superamenti registrati dalle centraline (la domenica e il lunedì successivi) e restano in vigore fino al 31 marzo. Sarà comunque il Comune di Terni, volta per volta, a rendere noto quando le ordinanze stesse saranno effettivamente in vigore.

Entrambe le ordinanze saranno oggetto di rimodulazioni sia in relazione alle concentrazioni rilevate dalle centraline, sia in relazione all'andamento delle misure adottate per contrastare la pandemia in corso.

“Purtroppo – dice l’assessore all’ambiente Benedetta Salvati - è ricominciata la stagione più critica per i valori di polveri sottili registrati dalla rete di monitoraggio della qualità dell’aria a Terni, sia per il contemporaneo inizio del periodo di accensione degli impianti di riscaldamento, sia per le basse temperature che impediscono la dispersione degli inquinanti nell’atmosfera. Speravamo di poter evitare i provvedimenti limitativi del traffico e di accensione degli impianti di combustione a biomassa vegetale, contando anche su condizioni meteo favorevoli alla dispersione degli inquinanti come accaduto lo scorso novembre. Così non è stato e prima delle piogge degli ultimi giorni la centralina delle Grazie ha continuato a registrare superamenti del valore limite giornaliero del Pm10 (6 giorni consecutivi dal 23 al 28 novembre) e così pure la centralina di Borgo Rivo, oltrepassando così il limite delle 35 giornate di superamenti in un anno stabiliti dalle norme europee e obbligandoci dunque a provvedere”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di un’artigiana ternana, dal riciclo del materiale di scarto alla trasformazione in pezzi unici: “Collane, bracciali, orecchini su misura”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento