rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Cronaca

Vitello attaccato da un branco di lupi, il racconto: “Ecco cosa abbiamo trovato”

Coldiretti raccoglie la testimonianza del titolare dell’azienda agricola colpita: “Episodi sempre più frequenti, cresce il rischio di abbandono degli allevamenti”

Attacchi di lupi sempre più frequenti in tutto il territorio regionale: stavolta è toccato ad un allevamento di chianine nella zona di Umbertide. Non solo danni dei cinghiali nelle campagne quindi, ma una situazione sempre più pesante pure su questo fronte, che si aggiunge, nell’attuale periodo storico, all’impennata dei costi di gestione delle aziende.

“Il nostro territorio non è nuovo a queste incursioni - racconta Luca Panichi, dell’azienda agricola colpita. In questo caso a fare le spese dell’attacco è stato un vitello, raggiunto, possiamo ipotizzare, da più esemplari, nonostante i sistemi di protezione messi in atto. In queste condizioni è sempre più complicato fare impresa: non si possono lasciar morire gli animali e penalizzare aziende che da generazioni popolano le campagne anche nelle zone più marginali, dove già è più complesso fare agricoltura. È da anni che ci battiamo per salvaguardare la biodiversità di prodotti e animali, migliorando il loro benessere e la qualità con la libertà di pascolamento, ma gli allevamenti così non possono più resistere”.

“Occorre salvare - afferma Coldiretti - gli animali che sempre più spesso vengono uccisi in tutto il territorio regionale, dove la presenza dei lupi è aumentata negli ultimi anni. Cresce il malcontento e la disperazione di tanti imprenditori per attacchi che vanificano sistematicamente il loro lavoro: una situazione non più tollerabile, che rischia di far chiudere le imprese. È necessario potenziare gli sforzi per monitorare il fenomeno lupi anche in Umbria, tenendo conto del loro habitat naturale in un’ottica di coesistenza con l’attività umana. Occorre altresì un impegno concreto con un sempre più adeguato sostegno pubblico a idonei sistemi di difesa e un rapido ed equo rimborso dei danni. Servono soluzioni da parte delle Istituzioni ai vari livelli - conclude Coldiretti - per contrastare una situazione inaccettabile che spinge le aziende agricole verso un inesorabile abbandono”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vitello attaccato da un branco di lupi, il racconto: “Ecco cosa abbiamo trovato”

TerniToday è in caricamento