Auto no cost, così i clienti possono difendersi dal “bluff”: cosa fare

Rate non pagate, sono centinaia gli automobilisti ternani rimasti incastrati nel marchingegno delle vetture a costo zero. Il legale: ecco come correre ai ripari

Se in garage avete un’auto “no-cost” e sul conto corrente continuano a scorrere le rate, allora è il momento di correre ai ripari. Sono centinaia gli automobilisti ternani (migliaia in tutta Italia) finiti nel marchingegno delle vetture a costo zero in cambio di pubblicità e che da giugno o luglio dello scorso anno non ricevono più i rimborsi mensili che la Vantage group srl avrebbe dovuto versare in virtù dell’accordo commerciale che legava automobilisti-clienti, società pubblicitaria e finanziaria.

Auto no cost, il bluff: leggi l’articolo

Una beffa che per qualcuno rischia di avere conseguenze piuttosto serie. C’è infatti chi, in ragione del fatto che ogni mese sarebbe stato versato un rimborso fino a 290 euro sulla rata necessaria al finanziamento dell’acquisto dell’automobile, ha fatto il passo più lungo della gamba, attivando un finanziamento per vetture più costose e che oggi si ritrova a dover pagare per intero. Nonostante la stessa Vantage avesse assicurato che entro lo scorso 20 gennaio avrebbe rimesso in pari i rimborsi per i clienti.

“Dalla società non abbiamo ricevuto alcuna notizia, né ufficiale né ufficiosa”, dice l’avvocato Massimo Longarini, presidente dell’associazione Codici Terni che segue diversi casi di automobilisti rimasti, per così dire, a bocca asciutta.

Data la situazione, è dunque necessario preparare una strategia di tutela. Ecco qualche consiglio.

“Si può anzitutto chiedere l’annullamento del contratto”, spiega l’avvocato Longarini, facendo riferimento alle inadempienze della società pubblicitaria e della finanziaria. A questo punto, si dovrebbe restituire l’auto al concessionario e quindi pretendere di riavere indietro i canoni versati. Cercando di ottenere la cifra completa o, in caso contrario, verificando la percorribilità di una trattativa. “Anche se ancora, in questa fase – spiega l’avvocato – non parlerei di trattativa”.

La seconda opzione percorribile, nel caso in cui la macchina sia più datata, è di chiedere il risarcimento dei danni e quindi sollecitare la restituzione di quanto versato per attivare l’operazione: si tratta di circa cinquemila euro per la società pubblicitaria e 1.400 come fidejussione a garanzia. “Che in alcuni casi – spiega ancora Longarini – sono finiti nella cifra che è stata complessivamente finanziata”.

“Credo che non si possa invece percorrere la strada di una class action”, aggiunge Longarini. Tutto questo senza tenere in considerazione eventuali risvolti penali – e giudiziari – che la vicenda potrebbe avere e che modificherebbero la sostanza delle cose.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ternana-Avellino 0-0, rossoverdi al secondo turno preliminare dei Play Off

  • Incidente stradale, scontro frontale tra due auto: due fratelli perdono la vita

  • Chiude storica attività del centro cittadino a Terni: un altro piccolo pezzo della città ‘romantica’

  • Coronavirus, quattro nuovi casi positivi nel ternano: “Previsti ulteriori tamponi oltre il nucleo familiare coinvolto”

  • Più soldi in busta paga per 48mila lavoratori ternani: ecco a chi spetta il bonus a partire dal primo luglio

  • Terni, marito e moglie positivi al Covid: scatta l’isolamento, ricostruita la possibile catena dei contagi

Torna su
TerniToday è in caricamento