Con l’auto rubata si apposta davanti ad una banca, arrestato: preparava una rapina

Il giovane è stato fermato dai carabinieri ad Arce, in provincia di Frosinone. Lui si difende: sono venuto a trovare la mia fidanzata

Una pattuglia di carabinieri

Quando i carabinieri gli hanno chiesto che cosa ci facesse da quelle parti, lui ha risposto: sono venuto a trovare la mia fidanzata. Un scusa che però si è sciolta come neve al sole quando i militari dell’arma hanno cominciato ad inserire i suoi dati nel sistema informatico. L’ipotesi è che stesse preparando una rapina in banca. Al momento, le accuse che hanno portato all’arresto sono: ricettazione e violazione di due provvedimenti di allontanamento emessi dal prefetto di Terni nel 2014 e ad inizio luglio.

Lunedì pomeriggio, fra le 16 e le 17, una pattuglia dell’Arma della stazione di Ceprano sta percorrendo la via Casilina. All’altezza di Arce, comune della provincia di Frosinone, i militari notano una Citroen C3 ferma nei pressi di una banca. Si avvicinano, attirati soprattutto dal fatto che il conducente, alla vista dell’auto blu, ha cercato di svignarsela. Fermano la macchina, chiedono i documenti e fanno qualche domanda. Il ragazzo – 28 anni di origini rumene – è nervoso. Si giustifica dicendo che si trova da quelle parti perché è venuto a trovare la fidanzata, che vive proprio ad Arce. I carabinieri approfondiscono. E scoprono che la Citroen è stata rubata a Terni, dove il ragazzo – già noto alle forze di polizia - vive, nonostante sia stato allontanato dalla città con un provvedimento della Prefettura di luglio, che fa seguito ad un altro del 2014. E che il via vai tra l’Umbria e la Ciociaria andava avanti dal 2 agosto. Segno, secondo gli investigatori, che oltre all’amore, c’era qualcos’altro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ipotesi investigativa è che insomma stesse pianificando una rapina in banca, studiando luogo, orari, possibili vie di fuga. Al momento è finito nel carcere di Cassino in seguito a fermo di polizia giudiziaria con le accuse di ricettazione e violazione dei due provvedimenti di allontanamento. Sono in corso ulteriori indagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Il racconto di una mamma: la maestra di mio figlio è positiva al Covid, ecco tutto quello che non funziona nel sistema

  • Tragedia a Terni, rinvenuto dalla polizia di Stato cadavere di un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento