menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cannabis light, scattano i controlli

Nel mirino delle forze dell'ordine i negozi che vendono prodotti di cannabis leggera, verifiche sulle attuali 91 attività commerciali tra tabaccai, distributori automatici ed esercizi di vendita esclusiva

Si è riunito, nella mattinata di ieri 26 giugno, presieduto dal Prefetto di Terni, il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica al quale hanno partecipato i vertici provinciali delle Forze dell’Ordine ed i rappresentanti dei Corpi di Polizia Locale dei Comuni di Terni, Orvieto, Narni ed Amelia.          

                Nel corso dell’incontro, è proseguito l’approfondimento del tema della cosiddetta cannabis light, già oggetto di disamina del predetto Consesso alla luce di specifiche direttive formulate dal Ministero dell’Interno, lo scorso mese di maggio, in relazione ad un recente orientamento della Suprema Corte di Cassazione in tema di commercializzazione della canapa industriale.

                In quell’occasione, è stato concordato con le Forze di Polizia di avviare un più compiuto monitoraggio della presenza, a livello provinciale, degli esercizi di vendita di cannabis light, onde poter verificare l’incidenza sul territorio ternano di attività dedite alla predetta commercializzazione.

                All’esito di siffatta ricognizione, è stata rilevata la presenza di 91 esercizi commerciali, di cui solo 4 interessati alla vendita esclusiva di derivati e infiorescenze della canapa.

                In considerazione delle finalità previste dalla legge 242/2016 e delle indicazioni in tal senso fornite dal Ministero dell’Interno, i partecipanti hanno concordato di avviare, nell’ambito del Piano coordinato di controllo del territorio, una compiuta attività di vigilanza volta a verificare la presenza di eventuali irregolarità derivanti da un abusivo commercio del prodotto.

                In particolare, è stata concertata l’opportunità di avviare specifici servizi di osservazione finalizzati ad individuare la presenza di possibili anomalie, tali da far ritenere che all’interno dei suddetti esercizi commerciali possano concretizzarsi attività di vendita di prodotti che presentino caratteristiche non rientranti nelle previsioni indicate dalla normativa di settore.             

                L’esito della suddetta osservazione, che sarà all’uopo coordinata operativamente dalla Questura di Terni, sarà oggetto di successivi approfondimenti e valutazioni da parte del Comitato Provinciale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento