Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Fase Due, i chiarimenti del Governo sugli spostamenti: dalla definizione di congiunti a visite e passeggiate

Una nuova Faq per rispondere alle domande più frequenti in ossequio del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

A poco meno di quarantotto ore dall’inizio della sua applicazione (lunedì 4 maggio ndr) il Governo pubblica alcuni chiarimenti in merito all’ultimo DPCM del 26 aprile. La più attesa, probabilmente, riguarda la definizione di congiunti:

“L’ambito cui può riferirsi la dizione ‘congiunti’ può indirettamente ricavarsi, sistematicamente, dalle norme sulla parentela e affinità, nonché dalla giurisprudenza in tema di responsabilità civile. Alla luce di questi riferimenti, deve ritenersi che i “congiunti” cui fa riferimento il DPCM ricomprendano: i coniugi, i partner conviventi, i partner delle unioni civili, le persone che sono legate da uno stabile legame affettivo, nonché i parenti fino al sesto grado (come, per esempio, i figli dei cugini tra loro) e gli affini fino al quarto grado (come, per esempio, i cugini del coniuge)”.

I chiarimenti sulle visite

“Sono consentiti gli spostamenti per incontrare esclusivamente i propri congiunti, che devono considerarsi tra gli spostamenti giustificati per necessità. E' comunque fortemente raccomandato limitare al massimo gli incontri con persone non conviventi, poiché questo aumenta il rischio di contagio. In occasione di questi incontri devono essere rispettati: il divieto di assembramento, il distanziamento interpersonale di almeno un metro e l’obbligo di usare le mascherine per la protezione delle vie respiratorie”.

Uscire per fare una passeggiata

“Si può uscire dal proprio domicilio solo per andare al lavoro, per motivi di salute, per necessità (il decreto include in tale ipotesi quella di visita ai congiunti, vedi FAQ), o per svolgere attività sportiva o motoria all’aperto. Pertanto, le passeggiate sono ammesse solo se strettamente necessarie a realizzare uno spostamento giustificato da uno dei motivi appena indicati” Tutto il contenuto è consultabile nel link sottostante.

Utilizzo della bicicletta

“L’uso della bicicletta è consentito per raggiungere la sede di lavoro, il luogo di residenza o i negozi che proseguono l'attività di vendita. È inoltre consentito utilizzare la bicicletta per svolgere attività motoria all’aperto. In ogni circostanza deve comunque essere osservata la prescritta distanza di sicurezza interpersonale.”

Tutte le domande e le risposte pubblicate

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fase Due, i chiarimenti del Governo sugli spostamenti: dalla definizione di congiunti a visite e passeggiate

TerniToday è in caricamento