rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Cronaca

Café express sulla Roma-Ancona, preso con bibite e cibi fuorilegge

Controlli della polizia ferroviaria, scatta la multa da oltre 5.000 euro. Nei guai anche tre richiedenti asilo

Come Nino Manfredi nel film ‘Café express’, anche lui vendeva cibi e bevande ‘fuorilegge’ sui treni regionali. In particolare, le indagini della polizia ferroviaria hanno verificato che era solito frequentare la linea Roma-Ancona con il suo banchetto di cibarie. L’attività era però praticata senza alcuna autorizzazione commerciale e sanitaria, rappresentando “un potenziale pericolo per la salute pubblica – spiegano dalla polizia di Stato - soprattutto in questi periodi di intenso caldo che rendono i prodotti alimentari ancor più facilmente deperibili”.

Appostamenti e indagini hanno dunque permesso di rintracciare il giovane, di origini campane, su un treno in transito a Terni. La polizia ferroviaria lo ha fermato, confiscandogli i generi alimentari e le “attrezzature” per la vendita, e comminandogli una multa da 5.164 euro, come previsto da una ordinanza comunale, per attività commerciale senza licenza.

I controlli straordinari disposti dal questore di Terni, Antonio Messineo, hanno permesso di denunciare tre cittadini stranieri, uno dei quali è stato allontanato da Terni con il provvedimento del divieto di ritorno. Si tratta di due cittadini nigeriani, richiedenti asilo, ed un cittadino marocchino.

Tutti e tre hanno tentato di sottrarsi all’identificazione, hanno rifiutato di fornire le proprie generalità. Il cittadino marocchino, inoltre, residente ad Aversa, è risultato gravato da numerosi precedenti penali per reati di droga; privo di mezzi di sostentamento, non ha saputo giustificare la propria presenza a Terni ed è stato quindi munito di foglio di via obbligatorio e divieto di ritorno in questo comune per tre anni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Café express sulla Roma-Ancona, preso con bibite e cibi fuorilegge

TerniToday è in caricamento