menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Condomini da sanificare contro il virus, la protesta: deve pagare il Comune di Terni

Polemica sull’ordinanza del sindaco, l’associazione Codici: momento di grave crisi finanziaria, la spesa deve essere coperta da Palazzo Spada che deve garantire la presenza di addetti e imprese

Sanificare è giusto. Ma chi paga? Nelle ultime ore, il sindaco di Terni, Leonardo Latini, ha emesso un’ordinanza che ordina agli amministratori dei condomini nel territorio comunale “di procedere tempestivamente e comunque entro e non oltre 5 giorni, alla sanificazione di tutti gli spazi comuni sia esterni che interni ad ogni immobile”. L’associazione Codici Terni “contesta l’ordinanza che in un momento di gravissima crisi finanziaria ed economica indotta dalla diffusione del virus intende caricare i cittadini di ulteriori costi ed oneri”.

Ecco il testo dell’ordinanza ordinanza condomini-2

Palazzo Spada parla di “un’azione che potrebbe rilevarsi di notevole efficacia, considerando che i locali da sanificare sono normalmente i più frequentati da chi esce e entra nelle abitazioni private”.

Codici Terni rileva però che “è giusto sanificare, ma l’impegno di spesa deve essere a carico dell’ente che dovrà anche garantire la presenza di addetti e di imprese in grado di coprire l’intera città nei cinque giorni previsti dall'ordinanza”.

L’associazione invita dunque “cittadini ed amministratori di condominio a chiedere a Comune e Regione le necessarie coperture finanziarie”.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento