Nascondono centomila euro di marijuana nella Panda: arrestati dalla polizia stradale

Il ragazzo e la ragazza stavano transitando lungo l’Autosole tra Orvieto e Fabro quando sono stati fermati per un controllo dagli agenti. Traditi dal forte odore degli undici chili di “erba”

Quando il ragazzo al volante della Fata Panda ha aperto lo sportello, il forte odore proveniente dall’interno del veicolo ha lasciato pochi dubbi agli agenti della polizia stradale di Orvieto. E infatti, aprendo il portabagagli, i sospetti sono diventi realtà.

Nascosti in tre scatole di cartone c’erano undici chilogrammi di marijuana, divisi in altrettanti pacchi di cellophane. Una volta sul mercato, l’erba avrebbe frutta ai pusher circa centomila euro. In manette sono finiti due ragazzi: 24 anni lui, di origini albanesi, e 22 lei, italiana, entrambi pregiudicati.

20201112_122435-2La brillante operazione è stata messa a segno ieri sera intorno alle 19 dagli agenti della sottosezione della polizia stradale di Orvieto, agli ordini del comandante Stefano Spagnoli, nell’ambito dei servizi di vigilanza stradale intensificati e predisposti dal dirigente della sezione polizia stradale di Terni, vicequestore Luciana Giorgi, secondo le direttive del capo della polizia e del servizio polizia stradale per garantire la massima sicurezza e contrastare ogni eventuale attività illecita lungo la rete autostradale di competenza e, nonché per i servizi connessi al contenimento del contagio per Covid19.

È già sera quando una pattuglia, tra Orvieto e Fabro, sull’A1, in direzione Firenze, assieme ad un equipaggio “civetta” dello stesso reparto, notano transitare una Fiat Panda, con a bordo la coppia. Alla vista degli agenti, il conducente rallenta la marcia e assume un andamento nervoso. Azioni queste che non sfuggono all’occhio degli agenti che, ritenendo sospetti questi comportamenti, decidono di sottoporre a controllo la coppia non prima di avere richiesto il supporto di altre pattuglie per procedere al fermo della Panda in massima sicurezza.

A questo punto, “investiti” dal forte odore sospetto, gli agenti chiedono al conducente di aprire il portabagagli dove dentro vengono scoperte le tre scatole che occupavano l’intero vano ed al cui interno era possibile scorgere numerose confezioni in nylon trasparente sigillato, contenenti una sostanza di colore marrone che, successivamente, risultava essere marijuana di ottima qualità.

La sostanza stupefacente rinvenuta è risultata poi essere un quantitativo pari a circa 11 chilogrammi suddivisa in 10 buste sigillate panetti di circa un chilogrammo ciascuna per un valore approssimativo, se immessa sul mercato, di oltre 100mila euro. I due ragazzi sono stati arrestati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uno store internazionale di abbigliamento apre in centro a Terni. Al via le selezioni: “Entro la fine del 2020 l’inaugurazione”

  • Coronavirus, ecco il farmaco più efficace contro ansia, depressione e panico da pandemia

  • Umbria Arancione | La nuova ordinanza regionale nella sintesi grafica

  • Umbria arancione | Misure restrittive confermate dalla Tesei fino al 29 novembre

  • Coronavirus, nove decessi e 344 guarigioni. A Terni superata la soglia dei 1600 attuali positivi

  • Giovane donna dorme sotto la fermata dell’autobus, scatta la gara di solidarietà nel quartiere

Torna su
TerniToday è in caricamento