Emergenza Coronavirus, si “allargano” le porte dell’emporio della solidarietà della Caritas di Terni

Estesa la possibilità di accedere alla struttura di via Vollusiano: le famiglie potranno prelevare prodotti per 50 euro ogni 15 giorni, i singoli per 25 euro ogni due settimane. Ma serve il via libera del parroco

Nelle prossime ore dovrebbero cominciare ad essere pubblicati i bandi che permetteranno ai cittadini di accedere ai buoni spesa messi a disposizione del Governo: per Terni si tratta di un fondo di oltre 650mila euro. Si moltiplicano, nel frattempo, le iniziative per cercare di contrastare, dopo quella sanitaria, l’emergenza economica innescata dal Coronavirus.

LEGGI | Il panificio ternano che aiuta le famiglie in difficoltà

Si muovono dunque anche la Caritas diocesana e l’associazione di volontariato San Martino che intendono così “accogliere l’invito del santo padre di prestare vicinanza e soccorso a chi ‘ha fame’ e, particolarmente provato da questo momento di emergenza sanitaria, non accede all’emporio della solidarietà, non ha la possibilità di avere aiuti, non può lavorare o non ha lavoro”.

Viene data perciò la possibilità di “un’ulteriore apertura degli accessi all’emporio solidale diocesano di via Vollusiano a Terni. Apertura che sarà limitata alla durata dell’emergenza Coronavirus e alla disponibilità di beni che si riuscirà ad acquistare o reperire”.

Caritas e San Martino fanno sapere che “per poter usufruire dell’emporio solidale è necessario presentare domanda tassativamente tramite parrocchia (parroco o presbitero e/o coordinatore parrocchiale o associazione che gestisce la carità) che conosce, propone, segue il nucleo o la singola persona che segnalerà al centro di ascolto diocesano. La Caritas diocesana e la San Martino si riservano la facoltà, in un secondo momento, di richiedere al dichiarante o al beneficiario eventuali documenti che comprovano lo stato momentaneo di necessità”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Successivamente alla segnalazione, le persone saranno chiamate dagli operatori dell’emporio e potranno accedere uno alla volta e solo su appuntamento. “Le famiglie potranno prelevare gli alimenti per un importo massimo di 50 euro ogni 15 giorni, che corrispondono a 1000 punti/cuori, mentre un singolo 500 punti/cuori che corrispondono a 25 ogni 15 giorni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento