Emergenza Coronavirus, appello di FarmaciaTerni: alto rischio di contagio, subito i test ai nostri collaboratori

L’amministratore Scarpellini chiede aiuto al commissario dell’ospedale di Terni: mezza città di Terni da gennaio ad oggi ha visitato le nostre farmacie, ma ancora nessuno ha controllato il personale

Prima la buona notizia: “Nessuno tra collaboratrici e collaboratori della società ha accusato sintomi”. “Però – scrive Mauro Scarpellini, amministratore unico di FarmaciaTerni - la saggezza vuole che prevenire sia meglio che curare”.

È una lettera-appello quella che Scarpellini indirizza al commissario dell’azienda ospedaliera di Terni, Andrea Casciari. Partendo da quella che sembrava una “mossa” obbligata. Ossia, estendere i test di controllo ad una platea molto ampia nel personale sanitario.

“Da alcune settimane – scrive Scarpellini nella sua missiva - ho letto sui quotidiani della sottoposizione degli operatori sanitari, incluso il personale che lavora nelle farmacie, al controllo col tampone”.
“Sembrava un’operazione prossima”, rileva l’amministratore della società. E invece, “ad oggi non ho notizie e non ho ricevuto alcuna comunicazione, preavviso, invito da chicchessia, per sottoporre a controllo il personale della società che amministro”.

In realtà, però, di controlli ci sarebbe bisogno. “FarmaciaTerni gestisce nove farmacie e una parafarmacia nella città e nel periodo della diffusione del contagio appena trascorso” cioè “da gennaio alla vigilia di Pasqua, le persone entrate nelle nostre farmacie sono state 168.157. Si intuisce – rileva Scarpellini - che alcune siano venute in farmacia più volte, ma il numero dovrebbe far comprendere come la potenzialità infettiva non sia residuale, sia per il personale delle farmacie sia - di riflesso - per i cittadini che entrano per acquistare medicine. Posso affermare statisticamente che quasi la metà dei cittadini di Terni abbia visitato le nostre farmacie”.

Completata la premessa, da FarmaciaTerni parte l’appello a Casciari: “Le chiedo cortesemente di darmi collaborazione per poter estender il controllo ai farmacisti, agli infermieri e ai commessi di FarmaciaTerni i quali, seppure protetti da mascherine, guanti, schermi parafiato, disinfettante, sanificazione e distanziamento - sono stati esposti, come tutti gli italiani, nel periodo di inizio anno nel quale non era ancora identificata l’epidemia e tanto meno la pandemia. Il timore della asintomaticità credo sia legittimo. Nessuno tra collaboratrici e collaboratori della società ha accusato sintomi, però la saggezza vuole che prevenire sia meglio che curare. Spero che sia nelle sue possibilità il poter assecondare questa richiesta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento