Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Piediluco

Coronavirus, camping di Piediluco: “Ok a nuovi ingressi ma serve sanificazione straordinaria”

Il sindaco Latini firma ordinanza per la riapertura della struttura in cui era stato individuato un cluster di positivi: nuove norme anche per i turisti

Il camping di Piediluco può riaprire le proprie porte a nuovi ingressi, ma seguendo particolari norme. Questa in sintesi l’ordinanza firmata mercoledì mattina dal sindaco di Terni Leonardo Latini, per la struttura dove nei giorni scorsi era stato identificato un cluster di positivi al covid. 

Dopo alcune riunioni con il tavolo tecnico per acquisire aggiornamenti sulle indagini condotte dalla Usl Umbria 2 e sulle azioni messe in campo dal gestore prima della riapertura, il sindaco ha deciso che “gli accessi alla struttura potranno avvenire unicamente nel rigoroso rispetto di alcune misure preventive, ovvero una sanificazione straordinaria; l’intensificazione delle attività di sanificazione ordinarie con dotazione del personale degli idonei dispositivi di protezione; l’istituzione di un registro delle presenze giornaliere con tutti i dati utili al tracciamento relativo agli ospiti stagionali ed a quelli di passaggio”.

Altre misure riguardano invece gli ospiti ed il personale operante all’interno della struttura fino al 16 agosto. Tra queste, “all’interno della struttura è vietato ogni tipo di assembramento; dovrà essere mantenuta una distanza di sicurezza, di almeno 1,5 metri tra gli ospiti non appartenenti al medesimo nucleo familiare; nei locali interni e in prossimità di pertinenze comuni (bagni, reception ecc…) vige l’obbligo di indossare la mascherina protettiva; il personale adibito alla gestione del campeggio dovrà costantemente utilizzare mascherina di tipo FP2 e guanti sterili, che dovranno essere sostituiti ogni qual volta avvenga contatto anche indiretto; la vendita di cibi e bevande all’interno della struttura del campeggio è consentita a condizione che il personale addetto indossi mascherine di tipo FP2, guanti usa e getta e provveda a costanti sanificazioni delle mani dopo la distribuzione; sono vietate iniziative conviviali e ricreative tra ospiti della struttura non appartenenti al medesimo nucleo familiare (pasti in comune, giochi di gruppo, riunioni, stazionamento presso piazzole assegnate ad altri nuclei familiari) che possano determinare assembramenti”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, camping di Piediluco: “Ok a nuovi ingressi ma serve sanificazione straordinaria”

TerniToday è in caricamento