Coronavirus, comuni ‘immuni’ e nuovi guariti. Viaggio nella provincia ternana che combatte il virus

Usciti dalla fase critica, restano le preoccupazioni a Giove (unica zona rossa dell’Umbria) e Porano dove si vede qualche spiraglio positivo

foto di repertorio

Il lockdown ha apportato i benefici sperati, quantomeno al momento. E’ ciò che emerge dai macrodati relativi alla provincia di Terni. Disciplina, responsabilità e senso del dovere diffusi hanno aiutato in tal senso. Nonostante le attuali criticità di Giove, sperando che presto si possa superarle, la situazione pare in netto miglioramento ovunque

I comuni ‘immuni’

Secondo i dati forniti dalla Protezione Civile sono rimasti davvero pochi i comuni ternani ‘immuni’ dal virus. Si tratta di Attigliano, Avigliano Umbro, Fabro, Ficulle, Guardea, Montegabbione, Monteleone d’Orvieto, Otricolo, Parrano, Penna in Teverina e Polino (undici su trentatré complessivi). A questi va aggiunto San Venanzo dato che, l’unico paziente risultato positivo al virus, è guarito e tornato a casa dopo essere stato ricoverato in ospedale.

Anche a Montecchio è attesa la definitiva buona notizia per tornare a zero Covid+. I due soggetti, una volta terminato il periodo di isolamento contumaciale, sono stati oggetti di tamponi che hanno dato esito negativo. Un ulteriore accertamento occorrerà in tal senso per certificare la piena guarigione.

Le criticità emerse e le buone notizie

Sono i comuni di Giove e Porano sotto la lente di ingrandimento degli organi preposti. Il primo si trova in isolamento dopo l’ordinanza emessa da Donatella Tesei. Per il municipio dell’orvietano le criticità sono emerse principalmente nella casa delle suore di San Bernardino. Progressivamente però la situazione è in continuo miglioramento. Da ieri due nuove guarigioni e miglioramenti delle condizioni di salute per i cittadini ricoverati nelle strutture ospedaliere.

Da Arrone e Narni arrivano ulteriori pazienti guariti (uno per comune ndr) così come a San Gemini ed Acquasparta dove ne risultato rispettivamente quattro e tre sui sedici e sei accertati. Infine ad Orvieto la curva sembra essersi stabilizzata notevolmente dato che, nell’ultima settimana, c’è stata una notevole contrazione di casi oltre quattro guariti totali, di questi uno annunciato ieri. Dal 31 marzo (45) a ieri (43 attuali) una confortante attenuazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento