“Qui lavoriamo tutti senza mascherine e se il virus lo prende uno, lo prendono tutti”

Terni, la denuncia di una lavoratrice a #soccorsorosso, la campagna del Partito comunista per la sicurezza nelle aziende del territorio. “La crisi è ancora più acuta per le piccole imprese che forse non reggeranno” | AUDIO

Il lavoro ai tempi del Coronavirus è un’incognita. Quotidiana, perché garantire le condizioni di sicurezza non è sempre possibile, facile e scontato. E futura: perché l’emergenza sanitaria di oggi, domani rischia di diventare una emergenza economica e sociale tale da travolgere imprese, imprenditori e posti di lavoro.

Nei giorni scorsi, il Partito comunista di Terni ha avviato una campagna social chiamata #soccorsorosso, aperta a tutti i lavoratori, invitandoli a raccontare – con testimonianze audio, video o scritte – la condizione che stanno vivendo nelle loro aziende in questi giorni di emergenza da Covid19.

Tra le prime a rispondere all’appello, una giovane lavoratrice ternana che racconta che nella sua azienda nessuno ha a disposizione la mascherina di protezione: “Qui nessuno ha la mascherina e se il virus se lo prende uno, lo prendono tutti”.

ASCOLTA | La denuncia della lavoratrice 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Dopo la diffusione del messaggio audio della lavoratrice ternana – spiegano da partito - molte aziende del territorio hanno improvvisato norme e pratiche di contenimento del virus che tutt’ora non garantiscono la tutela totale degli operai e dei loro diritti”.

“Continuiamo a ricevere notizie di altri lavoratori della nostra provincia che lamentano una confusione da parte delle proprie aziende riguardo l’applicazione delle norme ministeriali sul Covid19. La situazione generale è uniformata da una preoccupazione di fondo del lavoratore che valuta poco efficaci per la propria salute le misure precauzionali adottate in azienda: in alcune realtà le mascherine non vengono fornite quotidianamente e riutilizzate ad oltranza, in altre la distanza tra gli addetti non è garantita per tutto l’arco lavorativo e l’igiene sanitaria ambientale è a discrezione del personale. Per qualcuna, cosa ancora più grave, non si garantisce il mantenimento del posto di lavoro finita l’emergenza sanitaria”.

La crisi è ancora più acuta per le piccole imprese che forse non reggeranno il calo della produzione e rischiano di non riaprire o di dovere effettuare tagli drastici al personale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la ricerca: ecco quale sarà per l’Umbria il “giorno zero”. La proposta: provare a riaprire gradualmente

  • Emergenza Coronavirus, una splendida notizia arriva dalla struttura del ternano: negativi tutti i test

  • Coronavirus, la mappa del contagio: stop ai pazienti positivi a Terni città. Il dato si rafforza e dà speranza

  • Coronavirus, una grande speranza si accende su Terni e provincia. L’analisi comparata

  • Coronavirus, l’aggiornamento dalla mappa del contagio: a Terni città tornano a salire i soggetti positivi

  • Fugge dalla finestra per scampare ai controlli e perde la cocaina. Ritrovato sul letto del torrente Serra privo di sensi

Torna su
TerniToday è in caricamento