Le voci dalla “zona rossa”: spesa in ordine alfabetico, bancomat e poste a singhiozzo, ma non siamo untori

Giove, i cittadini lanciano un appello alle Istituzioni: siamo rimasti uniti nella tempesta del Covid19, anche se ci è mancata la solidarietà di prefettura, Regione e di qualche Comune limitrofo. Necessario rivedere le misure restrittive

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta che alcuni cittadini di Giove, dichiarata “zona rossa” per limitare il contagio da Covid19, hanno inviato alla presidenza della Regione, alla prefettura di Terni e al sindaco.

Cari concittadini umbri, illustri Istituzioni mi rivolgo a voi anche a nome dei compaesani che mi hanno già chiesto di farmi loro interprete, e di quanti altri, nelle prossime ore, vorranno condividere questo testo nei social.

Abitiamo a Giove, 1.900 anime che come nessun’altra popolazione in Umbria si trova faccia a faccia con il Covid 19. Contagi in rapida crescita, con interi nuclei familiari coinvolti (compresi bambini, ragazzi, anziani).

E così siamo entrati in zona rossa per 14 giorni, ora prorogati fino alle 20 del 3 maggio. Con i contagi è aumentata la paura per sé stessi e la preoccupazione per i contagiati, ma la comunità intera ha reagito: ha fatto squadra per soccorrere i bisognosi ed affrontare le difficoltà ulteriori della zona rossa. La spesa in ordine alfabetico settimanale nei negozi paesani, encomiabili ma purtroppo insufficienti per le esigenze di tutti noi, cosi da costringere la nostra protezione civile (con l’aiuto del Comune di Attigliano e di volontari di Lugnano ed Amelia) ad approvvigionamenti fuori e consegne a domicilio, con inevitabili mancanze ed errori di prodotti.

L’ufficio postale fa orario ultraridotto e con le tabaccherie chiuse pagare una bolletta o fare una ricarica telefonica è pressoché impossibile; inoltre l’unico bancomat funziona a intermittenza. A questi ed altri disagi si somma per molti l’azzeramento del reddito a causa della totale sospensione di attività economiche oppure il rischio grave di perdere il lavoro fuori del perimetro, se la zona rossa non dovesse essere revocata o stemperata a breve. Scopo primario, quest’ultimo, per cui la popolazione si è sottoposta in massa allo screening sierologico a tappeto disposto dalla Regione, con tempistiche opinabili.

Tutti insieme ne usciremo, continuiamo a ripeterci. Con l’orgoglio di appartenere ad una comunità che nel mezzo della tempesta è rimasta unita, non ha cercato colpevoli e non ha additato untori. Ma anche con la comune, amara sensazione di solitudine, per la mancanza di considerazione specifica e persino di qualsivoglia parola di incoraggiamento e di solidarietà, da parte delle Istituzioni civili (Prefettura, Regione, molti Comuni limitrofi). Non ultimo per le carenze della stampa, che si è affrettata a concederci la ribalta con titoli allarmistici sui numeri del contagio, spesso non rispondenti alla realtà del momento, preoccupandosi ben poco delle persone. Dimenticheremo invece le tante voci, dentro e fuori dai social, che fin dai primi contagi ci hanno additati come indesiderati untori, causa del proprio male per supposti comportamenti sconsiderati. Autoconsolatoria motivazione, umanamente comprensibile, che offende chi l’epidemia la vive, sapendo di aver rispettato le regole di distanziamento non meno di altri. Ma pazienza, tant’è.

Tutti insieme ne usciremo, continuiamo a ripeterci, avendo negli occhi l’Italia migliore, fatta di una comunità ferita e impaurita che tuttavia va avanti con l’aiuto di molti amici oltre il confine; ma anche l’Italia che non ti aspetti e che oggi sollecitiamo a cambiare passo. Alle Istituzioni chiediamo con forza un’immediata riconsiderazione delle misure restrittive, che coniughino la tutela della salute con le necessità lavorative di molti concittadini, abbreviando il termine finale del 3 maggio o consentendo almeno a coloro che sono risultati negativi ai test di riprendere le attività lavorative fuori dal perimetro, ma anche dentro in assenza di contatti interpersonali. In ogni caso chiediamo l’adozione di misure immediate per assicurarci i servizi essenziali (con la riapertura delle tabaccherie, il perfetto funzionamento del bancomat, l’arrivo nei nostri negozi di generi di necessità quotidiana in quantità e qualità adeguata); ed ancora l’invio di fondi speciali per far fronte alle tante esigenze alimentari che la zona rossa ha generato ed aggravato. Affinché l’Italia che non avremmo mai voluto vedere si riscatti, per non ripresentarsi mai più a nessun’altra comunità cui dovesse toccare analoga sorte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con osservanza, ed in fiduciosa attesa.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di ‘Halloween’: spostamenti solo motivati da autodichiarazione. Chiudono le scuole

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

  • Coop contribuisce a combattere il Coronavirus: “Abbassato il prezzo delle mascherine chirurgiche in vendita nei negozi”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento