Coronavirus, sedici casi positivi accertati dall’azienda ospedaliera di Terni: “Coperta la quasi totalità del personale”

Il commissario straordinario Andrea Casciari:“Il laboratorio di biologia molecolare ha eseguito circa 1500 tamponi ai dipendenti, di cui 252 unità hanno già effettuato il doppio tampone”

foto di repertorio

L’azienda ospedaliera di Terni ha sottoposto a tampone orofaringeo per il Covid-19 o SARS-CoV-2 la quasi totalità dei lavoratori attualmente operativi. Sono stati riscontrati sedici casi positivi di cui quattordici verificati nel mese di marzo e due nei primissimi giorni di aprile.

Ora è la volta del personale dei servizi appaltati che opera all’interno dell’ospedale e sta iniziando la ripetizione dell'esame sui dipendenti più esposti al rischio di contagio. Le sedici positività riscontrate, di cui alcune risultano importate al di fuori dell’ambiente ospedaliero, rappresentano un indice di contagio al di sotto dell’1% rispetto al numero dei dipendenti. Un dato che rassicura sull’efficacia delle azioni di sorveglianza sanitaria che fin dall'inizio dell'emergenza è stata attivata a Terni, sulla base delle indicazioni regionali.

 “Il laboratorio di biologia molecolare ha eseguito circa 1500 tamponi ai dipendenti, di cui 252 unità hanno già effettuato il doppio tampone – annuncia il commissario straordinario Andrea Casciari – coprendo la quasi totalità del personale che lavora attualmente nella nostra azienda. Oltre al personale dipendente, che è stato tutto invitato ad eseguire l’esame e solo pochissime persone non sono state ancora raggiunte, il test è stato effettuato anche su quasi un terzo dei lavoratori dei servizi appaltati che operano in ospedale, e tutti sono risultati negativi. Inoltre per alcuni dipendenti che lavorano nelle aree più critiche abbiamo già iniziato a fare il secondo tampone, in base a un cronoprogramma che prevede la ripetizione dell'esame sul personale con cadenze definite, soprattutto in riferimento all'esposizione al rischio specifico”.

 “Per limitare i contagi sia degli operatori che dei pazienti ricoverati – sottolinea il commissario Casciari - la task force dell’azienda ospedaliera di Terni ha sempre garantito la disponibilità dei dispositivi di protezione individuale, oltre alle mascherine chirurgiche sempre a disposizione di dipendenti e pazienti. Nel piano attuato dalla direzione aziendale per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori rientrano contestualmente la formazione del personale sanitario che utilizza tali dispositivi di protezione, la tempestiva rivisitazione dell'intero assetto organizzativo e logistico aziendale, con aree dedicate esclusivamente ai pazienti Covid, la definizione di un team aziendale per l'esecuzione e determinazione dei tamponi”.

Tutto ciò si è reso possibile grazie alla partecipazione e collaborazione di tutte le figure aziendali preposte alla salute e sicurezza dei lavoratori e in particolare, oltre alla task force aziendale, il medico competente, il responsabile della sicurezza prevenzione e protezione dei lavoratori (RSPP), i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS), i dirigenti, i preposti e i lavoratori stessi, che hanno messo in atto un sistema partecipativo aziendale sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento