Coronavirus, un ternano che lavora con i detergenti: "Boom di richieste". Ecco quali sono i migliori disinfettanti

Lavora in una ditta che distribuisce anche le mascherine: "Le troviamo, pochissime, in Toscana ma le forniamo prima a medici e a chi sta male. Le nostre aziende sono tutte del nord, rischiamo di fermarci"

foto di repertorio

Il Coronavirus ha cambiato le abitudini di tutti. Chi continua a lavorare deve farlo seguendo le direttive di sicurezza. Chi in questo momento è in prima linea è soprattutto il personale medico e infermieristico, ma anche le forze dell’ordine e molti civili che si occupano di questioni che ora diventano importanti. È il caso, ad esempio, di chi distribuisce materiale di protezione e detergenti.

Un lavoro che fino a poco tempo fa sembrava “normale”, ma che adesso ha a che fare con beni diventati di prima necessità, come mascherine e detersivi. Tra questi lavoratori c’è anche un ternano dipendente di una ditta del settore: “Insieme ai miei due colleghi – spiega - vendo detersivi, carta e materiale di protezione. Ora è tutto più complicato. Le maggiori industrie sono tutte al nord e ad oggi c’è un’enorme difficoltà nel reperire il materiale. Trasporti e corrieri rallentano le spedizioni e comunque devi sperare che, quando le merci partono, non capiti un intoppo durante la spedizione”.

Lavora anche con le mascherine: “Le richieste sono lievitate -  dice - in pochi giorni ne abbiamo distribuite circa 300, abbiamo intercettato una ditta toscana che le fabbrica ma non è facile trovarle sempre, diamo la precedenza ai medici e a chi sta male”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Tutto si è scatenato da quando il Covid19 è arrivato tra di noi – aggiunge – Dall’8 marzo molti miei clienti hanno dovuto chiudere, altri si sono avvicinati. Il Covid19 è un virus e come tutti i virus è molto sensibile ad alcuni detersivi più di altri. I maggiori tra questi sono il cloro, gli alcool e sali quaternari di ammonio. Tutti questi li possiamo trovare in commercio nella candeggina, lo spirito e detersivi per la pulizia degli ambienti. Io vendo questo, dal gel senza risciacquo per le mani ai detersivi per la sterilizzazione/disinfettazione/igienizzazione degli ambienti. É una guerra contro il Covid-19, ma è una guerra anche contro i burocrati che incontriamo nel nostro lavoro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Il racconto di una mamma: la maestra di mio figlio è positiva al Covid, ecco tutto quello che non funziona nel sistema

  • Tragedia a Terni, rinvenuto dalla polizia di Stato cadavere di un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento