rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Cronaca

Coronavirus, l’analisi del Cnr: “Nella provincia di Terni situazione di stasi”

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche pubblica i dati nazionali: “In due terzi del territorio la curva sta scendendo”

A Terni la situazione è di stasi mentre in due terzi delle province italiane c’è una decrescita della curva dei nuovi casi di Covid. E’ quanto afferma l’analisi aggiornata del matematico Giovanni Sebastiani, dell'Istituto per le Applicazioni del Calcolo Picone, del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr).

Dopo avere oltrepassato il picco, la curva sta scendendo in tutte le province dell'Emilia Romagna, tranne Ferrara, in tutte quelle lombarde, in tutte quelle marchigiane meno Macerata, in tutte le province piemontesi, in quelle toscane e nelle province autonome di Trento e Bolzano, ad Aosta, Pordenone, Trieste, Udine, Roma, Isernia e Nuoro. La curva continua a scendere in tutte le province liguri e in quelle di Pescara e Teramo, mentre si rileva una discesa debole a Chieti e Perugia, e hanno da poco superato il picco Gorizia e Macerata. 

In frenata, dopo aver oltrepassato il picco, Avellino, Benevento, Caserta, Napoli, Rieti, tutte le province pugliesi, Oristano. Dopo una fase di discesa sono ora in debole crescita Cosenza, Reggio Calabria, Vibo Valentia, Salerno, Campobasso, tutte le province siciliane meno Enna e Messina, dove la crescita non è debole. In fase di stasi tutte le province venete, L'Aquila, Ferrara, Latina, Viterbo e Terni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, l’analisi del Cnr: “Nella provincia di Terni situazione di stasi”

TerniToday è in caricamento