Cronaca

Coronavirus, la testimonianza del sindaco De Rebotti dopo la vaccinazione: “Un po' di snocchiamento. Ora recuperiamo fiducia”

Il primo cittadino di Narni si è sottoposto alla prima dose di vaccino in quanto componente del Centro Operativo Comunale

foto tratta da facebook

Una fiducia da recuperare dopo lo stop, seppur temporaneo, alla campagna vaccinale per la somministrazione di AstraZeneca. Il primo cittadino di Narni Francesco De Rebotti, venerdì 26 marzo, si è sottoposto al vaccino in quanto componente del Centro Operativo Comunale. Nei giorni scorsi, attraverso un post comparso sui propri canali ufficiali, aveva dichiarato: “Ho contattato la Usl territoriale per capire se il mio eventuale vaccino fosse cedibile ad un soggetto rientrante nella categoria della ‘fragilità’ o per i più anziani. Mi è stato spiegato che non è approvato per tali categorie”. Pertanto: “Per questo motivo e visto anche il disorientamento creato dalla recente sospensione – prima della riattivazione della campagna - che ha comportato un rallentamento nelle adesioni, ho deciso dare il mio assenso”.

Come detto venerdì 26 si è recato al centro specializzato di Narni per sottoporsi alla prima dose: “C’è fiducia da recuperare, dopo il disorientamento creato da una comunicazione che ha comportato dubbi e titubanze. Anche ieri, al centro vaccinale di Narni, era ancora percepibile in coloro che vi si sottoponevano. Il mio e nostro impegno – afferma Francesco De Rebotti - sarà tutto indirizzato, come avvenuto con le somministrazioni di Pfizer nelle settimane scorse, a sostenere i medici di base nelle somministrazioni che avverranno, presumibilmente dal primo aprile, alla fascia d’età compresa tra 70 e 79 anni di Astra Zeneca. Inoltre in particolare, a sostenere la vaccinazione delle categorie fragili, per i quali l'Astra Zeneca non è autorizzato. Proprio su questo obiettivo, inizio settimana prossima, terrò un incontro organizzativo con il loro coordinamento. A tal proposito ringrazio il personale sanitario, fin dall'inizio impegnato nel nostro centro di vaccinazione, a partire dalla dottoressa Stefania Pace”. Infine una valutazione a posteriori: “Ieri sera un po’ di ‘sconocchiamento’. Niente a confronto dei risultati che può portare una campagna di vaccinazione da accelerare e su cui recuperare, quantomeno in parte, fiducia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la testimonianza del sindaco De Rebotti dopo la vaccinazione: “Un po' di snocchiamento. Ora recuperiamo fiducia”

TerniToday è in caricamento