Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Orvieto

Carcere violento, detenuto si scaglia contro un agente di polizia penitenziaria: pugni, calci e tenta di morderlo

È successo ad Orvieto, la denuncia del Sappe: inadeguati i vertici dell’istituto penitenziario, gli agenti vanno dotati di pistole taser e spray al peperoncino

Un’altra giornata di follia e violenza in carcere. Teatro dell’episodio che viene denunciato da Fabrizio Bonino, segretario nazionale per l’Umbria del Sindacato autonomo di polizia penitenziaria (Sappe) è stato nella giornata di ieri il carcere di Orvieto.

“Ieri pomeriggio un detenuto italiano recluso nel carcere cittadino, per futili motivi legati alla possibilità di avere un colloquio con la dirigenza dell’istituto, peraltro molto carente nella gestione delle criticità relative sia al personale che ai detenuti, ha aggredito improvvisamente l’ispettore capo di polizia penitenziaria incaricato della sorveglianza generale. L’ispettore capo è stato raggiunto da pugni in faccia e in testa ed ha subito il tentativo, fortunatamente non riuscito, di un morso all’orecchio, prima che i colleghi riuscissero a bloccare il detenuto. Alla fine si sono contati quattro poliziotti curati da subito dalla locale infermeria, di cui tre hanno avuto la necessità delle cure del pronto soccorso, con prognosi che variano dagli 8 ai 30 giorni”.

Bonino denuncia: “Nel caso di Orvieto, differentemente da altri istituti, va registrata la carenza e l’inadeguatezza, più volte portate all’attenzione del ministero e del provveditorato, dei vertici del carcere che, sommata al caos generalizzato diffuso in molti istituti della Repubblica, formano una miscela esplosiva per l’ordine interno e per la sicurezza del personale di polizia penitenziaria. Il Sappe torna a denunciare le criticità di Orvieto e chiede l’avvicendamento del direttore e dei due funzionari di polizia penitenziaria, non in grado di tutelare e rappresentare il personale. Il Sappe è comunque vicino e solidale con i colleghi feriti, con i quali si complimenta per aver evitato conseguenze ancora peggiori e per l’abnegazione con la quale ancora riescono a svolgere la propria professione, nonostante la lontananza di chi li dovrebbe tutelare e rappresentare”.

Donato Capece, segretario generale del Sappe, esprime solidarietà e vicinanza al personale di polizia penitenziaria in servizio nel carcere di Orvieto ferito e contuso ed evidenzia: “Quello che è accaduto, di una violenza inaccettabile, ci ricorda per l’ennesima volta quanto sia pericoloso lavorare in un penitenziario. Ogni giorno giungono notizie di aggressioni a donne e uomini del Corpo in servizio negli istituti penitenziari del Paese, sempre più contusi, feriti, umiliati e vittime di violenze da parte di una parte di popolazione detenuta che non ha alcuna remora a scagliarsi contro chi in carcere rappresenta lo Stato. E allora è mai possibile che nessuno, al ministero della giustizia e al dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, abbia pensato di introdurre anche per la polizia penitenziaria ed i suoi appartenenti, per fronteggiare ed impedire aggressioni fisiche e selvagge, strumenti come quelli in uso a polizia di Stato e carabinieri, ossia pistola taser e spray al peperoncino? Rinnoviamo, alla luce del grave fatto accaduto al carcere di Orvieto, la richiesta di un incontro con i vertici del ministero della giustizia e dell’amministrazione penitenziaria per affrontare gli eventuali interventi da adottare, come ad esempio proprio le tutele da assicurare al personale di polizia penitenziaria in servizio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carcere violento, detenuto si scaglia contro un agente di polizia penitenziaria: pugni, calci e tenta di morderlo

TerniToday è in caricamento