Domenica, 1 Agosto 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Emergenza Covid, Cimo Umbria: “La carenza di medici è atavica, servono contratti a tempo indeterminato e giuste remunerazioni”

Il segretario regionale, Marco Coccetta, solleva anche il problema degli specializzandi: “non possiamo permetterci che finiscano fuori dai confini regionali”. E aggiunge: “La Regione deve ancora elargire ai dirigenti medici i fondi indennità per la prima ondata del virus”

L'intera provincia di Perugia e sei comuni del Ternano sono da oggi in “zona rossa” per l'incremento di contagi da Covid19 e le sue varianti. Una situazione difficile che il segretario regionale di Cimo Umbria - il sindacato dei dirigenti medici - dottor Marco Coccetta, ha voluto di nuovo evidenziare sottolineando in particolare la mancanza di medici negli ospedali e nei presidi sanitari della regione.

“La mancanza di personale medico è ormai un problema atavico nella nostra regione. L'emergenza pandemica ha ulteriormente aggravato la criticità che Cimo da anni denuncia ai vertici del sistema sanitario regionale e quindi ai vertici dell’ente Regione, a iniziare dall’assessorato competente. Un problema che abbiamo di nuovo fatto presente nel recente incontro con la presidente della giunta regionale, con l'assessore regionale alla sanità e con i vertici delle aziende sanitarie. Per risolverlo abbiamo proposto un deciso cambio di strategia: occorre rendere l’Umbria una regione attrattiva per i professionisti della sanità, attraverso contratti a tempo indeterminato e una giusta remunerazione. È inoltre da scongiurare la fuga degli specializzandi, non è tollerabile che qui si formino e poi trovino collocamento fuori dai confini umbri”, dichiara Coccetta.

Il segretario Cimo solleva anche il nodo “dei fondi che la Regione deve ancora elargire ai dirigenti medici per l'indennità prevista nella prima ondata del virus.  Non c’è bisogno di ricordare – aggiunge -  che in questi mesi il personale sanitario, a tutti i livelli e in particolare quello operante nei Covid center, è stato chiamato a lavorare in condizioni di assoluta difficoltà”.

Coccetta ha infine ribadito che “Cimo Umbria, fedele alla sua tradizione, cercherà sempre di offrire la massima collaborazione per trovare la migliore soluzione ai problemi da risolvere. Collaborazione che abbiamo ancora una volta offerto ai vertici della Regione, ma contemporaneamente abbiamo anche indicato la strada per andare a risolvere, almeno in parte, la principale criticità del sistema sanitario umbro che è, appunto, la grave mancanza di personale. Se la nostra mano tesa dovesse essere respinta, Cimo Umbria, oltre a prenderne atto, metterà in campo tutte le iniziative necessarie per far valere le proprie ragioni”.

Si parla di

Video popolari

Emergenza Covid, Cimo Umbria: “La carenza di medici è atavica, servono contratti a tempo indeterminato e giuste remunerazioni”

TerniToday è in caricamento