Coronavirus, nuove donazioni all’ospedale di Terni: arrivano quattromila dispositivi di prevenzione

Le mascherine sono state recapitate da due aziende del ternano: la ditta Sabatino Italia ne ha donate 1500 mentre la Astolfi SPA le restanti 2500

foto consegna

Una mobilitazione costante che sta coinvolgendo tantissime aziende del territorio ternano. Nel corso della giornata sono state consegnate complessivamente 4000 mascherine FFP2 all’ospedale di Terni. Le donazioni arrivano dalla ditta Sabatino Italia (1500 ndr) e Astolfi SPA (2500 ndr) consegnate da Nicola Astolfi. Ad accoglierli il referente per la gestione e la rendicontazione delle donazioni Leonardo Fausti. 

La riconoscenza dell’azienda Sabatino

“Con profondo senso di riconoscenza nei confronti del nostro territorio a cui riteniamo di dover dare molto e con enorme gratitudine nei confronti di coloro che in questo momento sono impegnati in prima linea, l’azienda Sabatino Tartufi, unitamente a tutte le sue maestranze, ha inteso donare 1.500 mascherine di tipo FFP2 all’Ospedale “Santa Maria” di Terni, da impiegare per la gestione dell’attuale fase di emergenza causata dal Covid-19.

La più grande eccellenza che caratterizza la nostra comunità, di cui ci sentiamo orgogliosamente parte, è la sua straordinaria capacità di fronteggiare con dignità e coraggio le grandi emergenze. Come abbiamo saputo fare in tante altre drammatiche circostanze – affermano dall’azienda - anche stavolta sapremo dare il meglio di noi per superare il momento di difficoltà e rialzarci più forti di prima”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

Torna su
TerniToday è in caricamento