menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Emergenza Coronavirus, restrizioni fino al 13 aprile. Il premier: "Invito tutti a rispettare le misure"

Le dichiarazioni di Giuseppe Conte: "C’è una sparuta minoranza di persone che non rispettano le regole. Ricordo che abbiamo disposto delle sanzioni molto severe"

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, nel corso della conferenza stampa rivolta alla nazione ha annunciato: “Ho appena finito il nuovo DCPM che proroga l’attuale regime di restrizioni fino al 13 aprile. Se non smettessimo rispettare le regole, se iniziassimo ad allentare le misure, tutti gli sforzi sarebbero vani. Oltre al costo economico, sociale saremmo costretti a ripartire di nuovo. Invito tutti a continuare a rispettare le misure. C’è una sparuta minoranza di persone che non rispettano le regole. Ricordo che abbiamo disposto delle sanzioni molto severe.

Non ci possiamo permettere che l’irresponsabilità di alcuni possa apportare un danno per tutti. Mi dispiace che queste misure capitino in un momento particolarmente sentito come la Pasqua. Sono particolarmente dispiaciuto: saremo costretti a vivere le festività in questo modo. In queste due settimane valuteremo se si potrà o meno entrare nella fase due ovvero adottare le misure di allentamento prima di entrare nella fase tre ossia l’uscita dalla fase di emergenza”. Il presidente ha poi aggiunto: "L’unica novità riguarda le sedute di allenamento degli atleti, onde evitare che le società possano pretendere la prestazione sportiva intesa come allenamento. Nessun allentamento neppure per le passeggiate con i bambini. Non dobbiamo abbassare la guardia e neppure la soglia di attenzione”

La precisazione

La circolare del Ministero degli interni specifica: "La possibilità per un solo genitore di uscire con i figli minori per camminare purché questo avvenga in prossimità della propria abitazione e in occasione di spostamenti motivati da situazioni di necessità o di salute"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento