Dalla Germania in Sicilia per andare a trovare la madre malata, fermato con la droga nell’auto

Marijuana e cocaina nel bagagliaio, lui si difende: sono per uso personale. Lo scontro giudiziario arriva fino alla Corte di cassazione

In mezzo ai bagagli aveva anche settanta grammi fra marijuana e cocaina. Per questo la polizia stradale di Orvieto ha fatto scattare le manette ai polsi di un giovane siciliano che, ad aprile dello scorso anno, venne fermato lungo l’autostrada del Sole.

Scendeva dalla Germania – dove risiede da oltre 25 anni – per andare a trovare la mamma malata. Il nervosismo al momento del controllo della polstrada ha messo in allerta gli agenti che hanno così approfondito i controlli, scoprendo tre involucri di marijuana e poco più di un grammo di cocaina.

Davanti al giudice del tribunale di Terni il quarantenne ha però sostenuto di essere un consumatore abituale di sostanze stupefacenti e che dunque la droga era per uso personale e non per essere venduta, così come sostenuto dall’accusa. Tesi, questa, che il tribunale ha accolto, disponendo la scarcerazione del ragazzo. Sulla base anche del fatto che la droga non venne al momento analizzata e dunque non poteva essere stabilita la sua qualità e la eventuale quantità che poteva essere destinata allo spaccio.

Contro quella sentenza il procuratore della Repubblica di Terni ha presentato ricorso di fronte ai giudici della Corte di Cassazione e dopo oltre un anno, l’iter giudiziario si è concluso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ricorso è fondato e l’ordinanza impugnata deve essere annullata – scrivono i giudici di Cassazione - La corretta prospettazione del ricorrente è che il giudice territoriale è incorso in violazione di legge, avendo sostituito il controllo sulla ragionevolezza dell’arresto cristallizzato al momento dell’intervento come emerge dagli atti, con una indebita valutazione del merito dei fatti e della pericolosità del soggetto operata alla luce degli elementi successivamente acquisiti, ponendo sullo stesso piano elementi temporalmente e logicamente differenti”.     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

  • Tragedia a Terni, rinvenuto dalla polizia di Stato cadavere di un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento