Nozze d’oro, svelata la truffa dei finti matrimoni tra ternani e straniere: ecco come funziona

Il servizio delle Iene dopo il blitz negli uffici di corso del Popolo a Terni: scambio di soldi per far ottenere il permesso di soggiorno

Al momento del “sì”, negli uffici di corso del Popolo a Terni è calato il gelo. Il blitz della trasmissione televisiva Le Iene ha infatti documentato un presunto giro di matrimoni falsi organizzati da un ternano per consentire a donne extracomunitarie di ottenere il permesso di soggiorno.

L’inchiesta è iniziata quando Alessandro Di Sarno è stato contattato da un giovane ternano che lo informava di essere venuto a conoscenza di un “giro” di falsi matrimoni celebrati in cambio di denaro. Tra i tre e i quattromila euro per sposare donne extracomunitarie con rito civile dalle quali poi, una volta ottenuto il permesso di soggiorno, ci si poteva separare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Regista” della truffa un ternano che, ripreso con telecamere nascoste, ha ammesso di avere “consumato” anche lui tre matrimoni finti con altrettante donne straniere.

GUARDA | Il servizio delle Iene  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzi morti, c’è un sospetto: ternano in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Flavio e Gianluca, adesso la parola passa alla scienza: quattro ore di autopsia per spiegare la tragedia

  • Il silenzio e poi le urla di dolore: Terni sotto shock per la morte di due ragazzini, indagini a tutto campo

  • Cronaca di Terni, tragica scomparsa di due adolescenti. Le reazioni: “Sgomento e dolore. Giornata di lutto cittadino”

  • Cronaca di Terni, trovati morti due adolescenti di 15 e 16 anni

  • Flavio e Gianluca, basta lacrime ipocrite: non serve il lutto cittadino, bisogna vietare l’ingresso agli spacciatori

Torna su
TerniToday è in caricamento