rotate-mobile
Cronaca

Fiumi di eroina fra Papigno, Terni e Casal di Principe: il boss era scappato in Germania, preso

Spacciava con l'aiuto della famiglia e di giovani incensurati: catturato con un mandato d'arresto europeo, ora è in attesa di estradizione per l'Italia

Spacciava eroina tra Terni e Rieti dal 2012 al 2019 con l'aiuto della famiglia e di giovani incensurati. È stato arrestato ieri in Germania il 36enne marocchino che riforniva di eroina i territori delle province di Terni e Rieti fino a Casal di Principe nel casertano. In attesa dell’estradizione in Italia, il 36enne è stato condannato a una pena di diciassette anni e mezzo di reclusione per traffico di droga. 

La rete di spaccio era gestita dall’intera famiglia dell’uomo, residente nel ternano, che si riforniva nel vicino paese di Papigno avvalendosi di giovani incensurati. Durante le operazioni di arresto dei vari componenti della banda, il personale delle squadre mobili della questura di Rieti, in collaborazione con quelle di Perugia, Terni, Viterbo e Vicenza, ha sequestrato oltre 650 grammi di eroina, circa 200 grammi di cocaina e 7mila euro in contanti, provento dell’attività di spaccio. Dalle indagini è risultato che il sodalizio criminoso riforniva dagli ottanta ai cento tossicodipendenti dei territori coinvolti.

L’operazione all’epoca dei fatti era stata denominata dagli organi di informazione ‘One way trip’ (viaggio senza ritorno). Il cittadino magrebino è stato catturato a seguito di mandato di arresto europeo nella città di Remscheid dalla polizia di quartiere di Wuppertal, in collaborazione con SIReNe Germania e il Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia di Roma. Attualmente l’arrestato è in attesa di estradizione verso l’Italia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiumi di eroina fra Papigno, Terni e Casal di Principe: il boss era scappato in Germania, preso

TerniToday è in caricamento