menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fugge dalla finestra per scampare ai controlli e perde la cocaina. Ritrovato sul letto del torrente Serra privo di sensi

Il giovane ritrovato sul letto del torrente Serra veniva ben presto identificato come la persona ricercata dai carabinieri dopo la fuga della serata precedente

Una vicenda davvero particolare, spunta in questa fase di emergenza legata al coronavirus. Nel corso dei controlli, effettuati quotidianamente dalle forze dell’ordine, i carabinieri di Terni hanno fermato un uomo, di origine albanese. Da un successivo accesso nell’abitazione scoperto un giovane connazionale, datosi alla fuga dalla finestra, il quale nella concitazione del momento aveva perso della cocaina. Una volta perquisita la casa sono stati rinvenuti circa 600 grammi già suddivisi in piccole dosi, nonché una ingente somma di denaro ossia 14495 euro in banconote di vario taglio. Il giorno seguente il giovane è stato ritrovato privo di sensi nel letto del torrente Serra.

I dettagli della vicenda  

È durata poche ore la fuga del cittadino albanese residente a Terni, lanciatosi dalla finestra della propria abitazione per sottrarsi, la sera del 25 marzo, ad un controllo dei carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Terni. Quando gli agenti sono entrati all’interno dell’abitazione condivisa con un connazionale, fermato poco prima su strada nell’ambito dei consueti controlli del territorio, il giovane si è dato a precipitosa fuga ma, nella concitazione del momento ha perso della cocaina, prontamente recuperata dai militari.

La successiva perquisizione, estesa alla sua camera da letto alla presenza del connazionale, permetteva ai carabinieri di rinvenire ulteriore sostanza stupefacente dello stesso tipo per un peso complessivo di circa 600 grammi, già suddivisi in piccole dosi, nonché una ingente somma di denaro ossia 14495 euro in banconote di vario taglio.

Il giorno seguente -  il personale del 118 - ha soccorso un giovane rinvenuto privo di sensi sul letto del torrente Serra. Ricoverato presso l’ospedale Santa Maria forniva una motivazione alquanto improbabile della sua presenza in quel posto e, pertanto, il personale sanitario avvertiva immediatamente le forze dell’ordine. Il giovane veniva ben presto identificato come la persona ricercata dai carabinieri. Per questo motivo, dopo avere ottenuto la conferma della sicura identità del giovane albanese - anche tramite i riscontri alle banche dati - il dottor Marco Stramaglia sostituto procuratore della repubblica presso il tribunale di Terni, disponeva il fermo. L’arresto è stato convalidato ieri e per il giovane albanese confermato il carcere. Trattandosi di cocaina purissima, ancora da tagliare, è possibile stimare un giro di denaro di circa 150 mila euro.

600 COCAINA-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento