Terni, le bici elettriche vanno a ruba: la polizia scova un ricettatore, aveva anche rilasciato la ricevuta

Una agente libera dal servizio ha notato una due ruote di cui era stato denunciato il furto. Ha atteso che tornasse il “proprietario” e poi si è qualificata: “Ma io l’ho pagata 250 euro”

Ricettatore e gentiluomo. Perché per la vendita di quella bici aveva rilasciato regolare ricevuta. Nonostante la due ruote elettrica fosse stata denunciata come rubata da una rastrelliera all’esterno della stazione ferroviaria di Terni.

Ecco i fatti. Nel tardo pomeriggio del 29 settembre scorso, una agente della squadra volante libera dal servizio, mentre stava andando a fare delle commissioni personali, ha notato legata ad un’inferriata una bicicletta elettrica della stessa marca e colore di una bicicletta elettrica per la quale un cittadino albanese aveva sporto denuncia di furto in questura nei giorni precedenti, raccontando che la bici era stata portata via dall’apposita rastrelliera all’esterno della stazione ferroviaria di piazza Dante.

La agente ha così contattato la centrale operativa, verificando che il numero di telaio presente sulla bicicletta elettrica corrispondeva a quello della bicicletta rubata. Ha dunque deciso di restare sul posto, in attesa dell’arrivo di una pattuglia della Volante. In questo frangente di tempo si è però avvicinato un ragazzo che, ignaro di quanto stesse accadendo, ha aperto il lucchetto della catena che legava la bici all’inferriata. A questo punto, la poliziotta si è qualificata, procedendo all’identificazione del ragazzo con la collaborazione dei colleghi intervenuti. 

Di fronte alle contestazioni della polizia, il giovane però raccontava di avere acquistato la bici da un uomo di nazionalità italiana, pagandola 250 euro e mostrando anche una ricevuta che il venditore gli aveva rilasciato a fronte del pagamento effettuato in contanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La bicicletta è stata dunque restituita al proprietario ed il “venditore” è stato denunciato per il reato di ricettazione. All’acquirente è rimasta soltanto la ricevuta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento