menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli arnesi da scasso sequestrati

Gli arnesi da scasso sequestrati

L’allarme, il blitz e le botte: “topi” d’appartamento nella trappola dei carabinieri

Due in manette dopo un tentato furto nella zona di Gabelletta: sono stati i cittadini ad allertare il 112. Uno ha cercato di scappare saltando dalla finestra. Il tribunale: in carcere fino al processo

Mentre arrivava la gazzella dei carabinieri, uno dei due “topi” d’appartamento stava cercando di fuggire saltando da una finestra. L’altro, scendendo per le scale, si è trovato i militari davanti: ha sfondato una porta a vetri, ma poi è tornato sui suoi passi, risalendo le scale. Ormai alle strette, i due hanno cercato di guadagnarsi la fuga prendendo a pugni i carabinieri. Ma ad avere la peggio sono stati loro.

In manette due giovani originari dell’Est europeo, residenti nell’hinterland napoletano e con una discreta lista di precedenti per furto. Sono stati bloccati dai carabinieri della sezione radiomobile mercoledì mattina dopo la segnalazione di uno dei vicini di casa che allertava il 112 dei movimenti sospetti. Giunti sul posto, nella zona di Gabelletta, i carabinieri hanno “interrotto” il lavoro dei due ladri che, armati di arnesi da scasso, erano riusciti a forzare la porta d’ingresso dell’appartamento, senza però rubare nulla, nonostante il gran caos alla ricerca di oggetti di valore e denaro contante.

I due sono stati arrestati per concorso in tentato furto, resistenza a pubblico ufficiale e possesso ingiustificato di grimaldelli. Dopo una notte trascorsa nelle camere di sicurezza del comando di via Radice a Terni, oggi sono stati processati per direttissima e condannati alla custodia cautelare nel carcere di vocabolo Sabbione in attesa del processo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento