rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Cronaca Narni

Intercettati dai carabinieri, i ladri incendiano l’auto usata per la fuga: presa la banda

A Narni uno dei 36 colpi contestati alla gang finita in manette e accusata di avere messo a segno furti in ville e casolari tra Umbria, Marche e Lazio

Una banda di ladri è accusa di avere messo a segno 36 furti, con un bottino complessivo di oltre 200mila euro, spaziando tra le Marche e il Lazio e fermandosi a fare colpi anche a Narni e Gualdo Tadino.

Sono sette le persone arrestate dai carabinieri delle compagnie di Osimo e Frascati con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata ai furti in abitazione. Si tratta di cinque uomini e due donne per i quali il giudice per le indagini preliminari ha emesso un’ordinanza di custodia eseguita a Roma, Zagarolo e Velletri: quattro sono stati arrestati nelle rispettive abitazioni e sono finiti nelle carceri di Rebibbia e Regina Coeli, mentre agli altri tre la misura è stata notificata in carcere, dov’erano già detenuti per altra causa.

banda furti

Agli indagati, secondo le contestazioni provvisorie, sarebbero riconducibili una lunga serie di furti in numerose città del centro Italia. Le indagini sono iniziate nell’ottobre 2022 dopo due furti commessi a Sirolo. Secondo gli investigatori, gli indagati avrebbero usato auto intestate a terze persone per raggiungere le località prescelte dove individuavano abitazioni o casolari, soprattutto in aree isolate o periferiche, da colpire. La banda si introduceva di giorno nelle abitazioni dopo aver forzato gli infissi e in pochi minuti arraffava beni e denaro. In diverse occasioni i sette hanno asportato casseforti poi abbandonate e rinvenute dai carabinieri. Nel febbraio 2023 a Narni i membri di una batteria, inseguiti dai carabinieri di Terni e Rieti, avevano abbandonato e incendiato l’auto usata ed erano scappati tra i boschi. In Umbria avrebbero colpito anche a Gualdo Tadino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intercettati dai carabinieri, i ladri incendiano l’auto usata per la fuga: presa la banda

TerniToday è in caricamento