rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca Orvieto

Aggressione in carcere, detenuto ferisce dei poliziotti: “Una giornata di follia e violenza”

A denunciare quanto accaduto ad Orvieto, nel corso della giornata di oggi – martedì 10 maggio - il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria

“Giornata di follia e violenza, nel carcere di Orvieto, con diversi appartenenti al corpo di polizia penitenziaria feriti che sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari” A denunciare quanto accaduto, nel corso della giornata di oggi – martedì 10 maggio - il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria. Il segretario nazionale SAPPE per l’Umbria Fabrizio Bonino afferma, a tal proposito: “Un detenuto tunisino di 33 anni, già recidivo per comportamenti finalizzati ad alterare l’ordine e la sicurezza interna, proveniente dal carcere di Massa ha chiesto chiarimenti su alcuni fondi nella sua disponibilità. Prontamente il personale di polizia presente sul piano chiamava l’agente addetto all’ufficio preposto che lo rassicurava sulla prossima disponibilità dei fondi in arrivo, dalla precedente sede penitenziaria”.

Il passo successivo: “Tuttavia l’uomo, improvvisamente, si allontanava dall’ufficio e reagiva ai richiami del poliziotto tentando di strangolarlo. L’intervento immediato di altri due agenti, anche loro contusi, impediva peggiori conseguenze al nostro uomo”. conclude Bonino. “Mi chiedo dove siano coloro che rivendicano, ad ogni piè sospinto, più diritti e più attenzione per i criminali ma si scordano sistematicamente dei servitori dello stato, come gli agenti di polizia penitenziaria e gli appartenenti alle forze dell’ordine che, ogni giorno, rischiano la vita per la salvaguardia delle istituzioni”.

All’interno della casa circondariale orvietana, nel corso del 2021, si sono contati diciassette atti di autolesionismo, un tentato suicidio sventato in tempo dal personale di polizia penitenziaria, nove colluttazioni e due ferimenti. Il segretario Donato Capece esprime solidarietà e vicinanza ai colleghi: “Gravissimo quello che è accaduto. Una violenza inaccettabile che ricorda a tutti quanto sia pericoloso lavorare in un penitenziario. Ogni giorno giungono notizie di aggressioni a donne e uomini del corpo in servizio negli istituti penitenziari dell’Umbria e del paese. Sempre più contusi, feriti, umiliati e vittime di violenze da parte di una parte di popolazione detenuta che non ha alcuna remora a scagliarsi contro chi in carcere rappresenta lo stato. Eppure, la polizia penitenziaria è stata incomprensibilmente esclusa, rispetto alle altre forze dell’ordine, dalla dotazione del taser, che può essere uno strumento utile per contenere le continue aggressioni”.

Infine Capece ricorda: “Sono mesi che il SAPPE porta avanti le battaglie a favore di ogni singolo operatore delle forze dell'ordine e del soccorso pubblico. Mesi che rivendichiamo il nostro ruolo ormai attaccato da più parti e che vacilla sotto i colpi di normative che non ci tutelano, di leggi troppo blande per chi delinque come la vigilanza dinamica ed il regime aperto nelle carceri”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione in carcere, detenuto ferisce dei poliziotti: “Una giornata di follia e violenza”

TerniToday è in caricamento