Cronaca

Hashish nascosto dentro carne e formaggi e diretto a un detenuto del carcere di Terni. La scoperta del personale di polizia penitenziaria

La droga era nascosta all'interno di alcuni generi alimentari ed era diretta a un detenuto di origini romane, ristretto per reati legati a delitti contro il patrimonio.     

36 grammi di hashish, spezzettati in varie farie forme e dimesioni, erano stati nascosti all'interno di tranci di carne e formaggio a pasta molle conservati in alcuni pacchi e diretti ai detenuti del carcere di Terni.

Questa la scoperta fatta nella mattinata di venerdì 16 aprile da parte del personale di polizia penitenizaria della casa circondariale, nell’ambito delle attività di contrasto all’introduzione di sostanze stupefacenti all’interno degli istituti penitenziari.

La sostanza era avvolta in cellophane trasparente e il pacco in arrivo era destinato ad un detenuto di origine romana, M.M. di anni 55, ristretto per reati legati a delitti contro il patrimonio. Una quantità ritenuta notevole per un penitenziario. Un fatto che ha messo in moto ulteriori attività investigative per individuare capillarmente le responsabilità. 

"Davvero complimenti al personale di polizia penitenziaria che ha operato il sequestro - commenta il comandante del reparto Fabio Gallo -.  Nonostante i considerevoli carichi di lavoro che incombono quotidianamente, riesce ad essere efficace nel contrasto a tale fenomeno che rappresenta un vulnus in tutti gli penitenziari italiani".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hashish nascosto dentro carne e formaggi e diretto a un detenuto del carcere di Terni. La scoperta del personale di polizia penitenziaria

TerniToday è in caricamento