rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Cronaca Narni

Statua della Madonna “decapitata”, l’ultimo di una scia di atti vandalici: indagano i carabinieri

Diversi gli episodi segnalati nelle ultime settimane sul territorio di Narni: fatta a pezzi anche un’altra immagine su pietra di Maria

Atti vandalici ai danni di immagini sacre. Non è la prima volta che accadono simili episodi nel territorio di Narni. Alcuni anni fa, ignoti troncarono di netto le mani alla statua della Madonna del Ponte sul sagrato del Santuario. Ci fu poi l’episodio che riguardò la piccola chiesa situata sulla collina di San Pellegrino. Anche qui, mani ignote sfregiarono alcune edicole sacre. Sono storia recente gli atti vandalici compiuti contro le statue dello Speco di Sant’Urbano. Ancora più recentemente i vandali hanno preso di mira tre edicole che si trovano in strada dei Termini, a Narni scalo. Ignoti hanno divelto la testa di una statua della Madonna, strappato una tela che raffigura Gesù benedicente e fatto a pezzi un’altra immagine su pietra della Vergine Maria, insieme a dei vasi di fiori che la ornavano. Nonostante la strada in questione porti ad un agriturismo, l’area risulta piuttosto nascosta e i vandali che probabilmente hanno agito di notte, hanno potuto compiere lo scempio indisturbati. Nelle edicole sacre, sono state poste anche foto di persone defunte, insieme a fiori, candele e doni, a testimonianza di come siano considerate importanti dai credenti che le hanno volute e che gli affidano le preghiere per i propri cari estinti.

Immagini sacre vandalizzate a Narni

Sugli atti vandalici stanno indagando i carabinieri della compagnia di Amelia che stanno cercando di capire se siano in qualche modo collegati a quelli avvenuti alla fine di luglio sulla strada che conduce allo speco francescano. In questo caso erano state rotte due statue raffiguranti la Madonna e San Francesco che si trovavano su un altare posto sulla via che porta agli edifici del convento. Grande allora è stato lo sdegno per gli atti vandalici, così come grande è ora l’indignazione per il nuovo scempio subito dalle immagini sacre a Narni scalo.

Dagli ambienti della Chiesa fanno sapere che sono atti da demonizzare, sia che essi siano dei “semplici” gesti di vandalismo sia che celino intenzioni davvero sacrileghe. La realtà dei fatti è che nel giro di appena due settimane sono state sfregiate almeno cinque immagini sacre e tutto ciò non è affatto confortante.

Sacrilegio? Atto vandalico? Scoprire cosa sia successo è compito delle forze dell’ordine che stanno indagando, ma la situazione appare piuttosto inquietante e nella comunità narnese, già indignata per lo sfregio alle statue dello Speco, la notizia dei nuovi scempi ha creato molto scompiglio e preoccupazione. Gli atti vandalici riportano alla mente quelli relativi ai presepi di Narni che negli ultimi anni hanno subito furti e danneggiamenti di statue come nel caso di via XX Settembre, piazza dei Priori e vicolo Belvedere e atti vandalici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Statua della Madonna “decapitata”, l’ultimo di una scia di atti vandalici: indagano i carabinieri

TerniToday è in caricamento